Su Starzplay arriva The Stand, la pandemia secondo Stephen King

La miniserie tratta da L'Ombra dello Scorpione disponibile dal 3 gennaio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Con il nuovo anno Starzplay ci proietta nel mondo post apocalittico di The Stand, la nuova miniserie basata sull’omonimo romanzo bestseller di Stephen King, in Italia conosciuto con il titolo L’ombra dello scorpione.

La trama

The Stand è la visione apocalittica di Stephen King di un mondo decimato da un’epidemia e sconvolto da una lotta elementare tra il bene e il male. Il destino dell’umanità riposa sulle fragili spalle di Madre Abagail, 108 anni, e di una manciata di sopravvissuti. I loro peggiori incubi sono incarnati in un uomo con un sorriso letale e poteri indicibili: Randall Flagg, detto l’Uomo Oscuro.

Il cast

James Marsden nel ruolo di Stu Redman
Amber Heard nel ruolo di Nadine Cross
Greg Kinnear nel ruolo di Glen Bateman
Odessa Young nel ruolo di Frannie Goldsmith
Whoopi Goldberg nel ruolo di Abagail

L’Ombra dello Scorpione/ The Stand

Uscito con il titolo italiano “L’Ombra dello Scorpione”, The Stand è uno dei romanzi più acclamati di Stephen King. La trama segue le vicende dei sopravvissuti a una pandemia causata da un virus influenzale sfuggito ad un laboratorio che ha ucciso quasi l’intera popolazione mondiale. Il gran numero di personaggi e trame è stato motivo di difficoltà della stesura del romanzo, la cui prima edizione del 1978 conta 823 pagine. Nel 1990 King pubblicò una nuova versione “uncut” del libro, con parti inizialmente tagliate per ridurne il contenuto. Questa edizione integrale di 1.152 pagine ha reso The Stand il romanzo più lungo dello scrittore, superando il record di 1.138 pagine tenuto da “It”.

Nel 1994 fu realizzata una miniserie per la tv in 4 puntate, la cui sceneggiatura fu adattata dallo stesso King.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it