Con ‘Le figlie di Ys’ approda nell’editoria del fumetto Rebelle Edizioni

La nuova casa editrice pubblica la rivisitazione di un classico bretone. Un romanzo a fumetti di M.T. Anderson e Jo Rioux
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – Con Le figlie di Ys si apre ufficialmente il catalogo di pubblicazioni a fumetti fantasy e young adult di Rebelle Edizioni.

Il romanzo grafico, in tutte le librerie italiane dal 27 gennaio, è una lettura avvincente sulle dinamiche di potere e sugli intrighi di palazzo. Un fumetto ‘young adult’ la cui sceneggiatura del romanziere americano M.T. Anderson riprende la leggenda bretone dell’isola di YS. I disegni, dell’illustratrice Jo Rioux, mettono in scena la spettacolarità e il dramma dei momenti più concitati della storia.

Moltissimi anni fa nasceva con una promessa il regno di YS: circondato dal mare, ma innalzato e prontamente protetto da una diga; grazie a un oscuro incantesimo della regina Malgven.
La città di YS, governata attualmente dal re Gradlon, gode di ottima reputazione dai potenti di ogni regno; tant’è che vi approdano scaltri commercianti e avidi principi provenienti dalle terre più lontane. Le mura del castello, però, sembrano celare dei segreti inaccessibili a chiunque.

Gradlon e Malgven hanno dato alla luce le figlie Rozenn e Dahut.
Dahut, la secondogenita, si lascia affascinare dalla vita di palazzo, continuamente circondata dal lusso e da ogni frivolezza.
Mentre la figlia maggiore Rozenn, nonché l’erede al trono che tutta la popolazione attende, trascorre piacevolmente le sue giornate immersa nella natura, sempre al fianco delle creature selvagge che la frequentano.

“Vostra madre veniva da un altro mondo.
Forse da una delle isole fantasma che galleggiano nei mari del nord. Forse nelle viscere della Terra, dove tutto è ghiaccio o fuoco”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it