Tg Scuola – edizione del 22 gennaio 2021

Si parla di: Proteste; Shoah; Fiera Didacta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Scuola, a Roma studenti protestano davanti al Pantheon
Più fondi per l’istruzione, potenziamento dei mezzi di trasporto e una maggiore attenzione politica alle problematiche dei giovani. È quello che hanno chiesto gli studenti romani che si sono ritrovati davanti al Pantheon, nel giorno del ritorno in classe, per rivendicare la centralità del mondo della scuola. Il 18 gennaio gli studenti delle superiori sono tornati a scuola in Lazio, Emilia-Romagna, Molise e Piemonte. Ma non basta. I ragazzi vogliono che la scuola non richiuda. Un rientro stabile che corrisponda anche a un cambiamento politico.

Antisemitismo, storico Pezzetti: “Scuola fondamentale per contrastare pregiudizi”
“L’antisemitismo è come un fiume carsico, quando non lo vediamo vuol dire che è sotto di noi, e ogni tanto riaffiora”. Sono le parole di Marcello Pezzetti, uno dei massimi studiosi italiani della Shoah, intervistato dall’agenzia Dire sull’allarme razzismo e antisemitismo in Italia. A pochi giorni dalla ricorrenza della Giornata della Memoria, Pezzetti precisa che il processo di sensibilizzazione non deve ridursi a un esercizio retorico. “La società deve munirsi di mezzi per bloccare queste ‘malattie’ come si usano i farmaci per quelle ordinarie. La scuola ha un compito fondamentale in questo processo educativo, ma lo deve fare senza retorica e in modo graduale, spalmando questo sforzo su tutto l’arco della carriera di uno studente”.

Shoah, il video degli studenti del liceo Cannizzaro di Roma
Un video per ricordare il passato in occasione del Giorno della Memoria. Lo hanno realizzato gli studenti del primo anno del liceo ‘Cannizzaro’ di Roma. In didattica a distanza da mesi, i ragazzi e le ragazze hanno deciso di produrre un video collettivo, in cui ognuno si è filmato mentre legge un passaggio sul valore della memoria. Perché, come recita uno dei ragazzi “tutti coloro che dimenticano il passato sono costretti a riviverlo”.

Fiera Didacta, Bruschi: “Formazione non è adempimento burocratico”
“Sarà come esserci”. Ribadiscono la promessa gli organizzatori della fiera fiorentina per la scuola ‘Didacta’, che si svolgerà online dal 16 al 19 marzo. Dopo l’annuncio su Facebook della coordinatrice Paola Concia, che ha introdotto il futuro della scuola come tema centrale dell’edizione, il capo dipartimento per il Sistema educativo e di Istruzione al ministero dell’Istruzione Marco Bruschi ha presentato la seconda delle quattro parole chiave scelte da Didacta 2021: formazione. Gli altri temi scelti sono esperienza e innovazione.

Neuropsichiatra Montecchi: “Necessario fare differenza tra esperienza e abuso”
La dipendenza da sostanze stupefacenti spesso nasce e si radica durante l’età adolescenziale, quella fase della crescita in cui, secondo il neuropsichiatra infantile Francesco Montecchi, si attraversa un periodo di depressione “quasi fisiologico”“L’esperienza della sostanza durante l’adolescenza è molto diffusa, ma bisogna fare una distinzione tra esperienza e abuso, e anche tra le varie sostanze– spiega all’agenzia Dire- Ci sono sostanze che creano un problema biologico e rischiano di far rimanerci impigliato il ragazzo o la ragazza. E poi ci sono altre sostanze meno dannose, ma che a lungo andare possono creare dipendenza”.

Dalle scuole

Istituto Einaudi di Roma
Al via il progetto ‘La Costituzione.. aperta a tutti’, nato dalla collaborazione con l’istituto romano e il dipartimento di Giurisprudenza di Roma Tre.

Istituto Da Vinci di Palermo
Il racconto della dirigente sul rientro tra i banchi degli studenti: “Giusto tornare a scuola, nel rispetto delle regole anti-Covid”.

Istituto Einaudi di Roma
Gli scioperi non hanno offuscato l’emozione dei docenti per il rientro in classe degli studenti delle superiori. Il racconto su diregiovani.it.

Liceo Nomentano di Roma
Sit-in di protesta davanti ai cancelli nel giorno della riapertura per chiedere più investimenti nell’istruzione.

Liceo Pellecchia di Cassino
Gli studenti hanno deciso di scioperare per mettere in luce le problematiche organizzative del rientro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it