VIDEO | Architettura, presentato museo virtuale del CNAPPC

Creato per l'emergenza, rimarrà strumento digitale in futuro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un museo virtuale per ospitare le mostre d’architettura in questo periodo d’emergenza, ma che resterà un valido supporto anche in futuro. Durante la seconda giornata della Festa dell’architetto è stato presentato il nuovo Museo virtuale del CNAPPC, nato dall’esigenza di pubblicare ed esporre i progetti relativi ai Premi ‘Architetto italiano’, ‘Giovane talento dell’Architettura Italiana’ e ‘(Ri)progettare la scuola con le nuove generazioni post Covid-19’ quest’anno interamente dedicati al tema della scuola, insieme ad altre due mostre dedicate al ‘Concorso per 51 scuole innovative’ e alla mostra ‘Abitare il Paese. La cultura della domanda’.

“Si tratta di un museo che nasce a partire da un problema- commenta Dario Curatolo, architetto che ha partecipato all’ideazione dello spazio- quello di non poter realizzare fisicamente le mostre previste per la Festa dell’architetto, che è stato trasformato in un’opportunità positiva: uno spazio espositivo virtuale per ospitare queste mostre ed aprirsi anche a tutte le esigenze del mondo dell’architettura”.

L’impossibilità di realizzare l’esposizione fisicamente, infatti, ha suggerito l’idea di dotare il Consiglio Nazionale di uno spazio espositivo virtuale, dove esporre le tre mostre sopracitate. Ad emergenza finita, il museo virtuale rimarrà uno spazio complementare e non alternativo per esposizioni prodotte, promosse o supportate dallo stesso Consiglio Nazionale, ma anche un archivio delle mostre realizzate.

Uno strumento permanente, quindi, per dare spazio a possibilità future di fruizione e partecipazione allargata. Prevista anche la possibilità di scaricare e leggere i volumi presenti nella libreria virtuale del museo a sua volta sviluppato su un sistema multipiattaforma. Un sito web in cui è possibile l’esplorazione dei contenuti anche in forma analitica e di dettaglio, ma anche soluzioni più suggestive ed emozionali attraverso un’App per dispositivi mobili, entrambi disponibili a partire da febbraio, e una attraverso il visore di realtà virtuale Oculus, completamente immersiva.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it