Mahmood torna con una ballad struggente, "Inuyasha"

Mahmood torna con una ballad struggente, “Inuyasha”

Ascolta l'audio e leggi il testo del brano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Mahmood è tornato su tutte le piattaforme! È fuori oggi “Inuayasha”, primo estratto dal prossimo disco del cantautore, in uscita entro la fine di quest’anno. 

Scritta da Mahmood e Dardust (che ne è anche produttore), la canzone è una ballad ispirata a un manga giapponese: Inuyasha.

L’omonimo protagonista del fumetto è un mezzodemone che riesce ad arginare il suo lato oscuro per tutelare i compagni di viaggio, rinunciando volontariamente a diventare un demone completo.

Una ballad piena di emotività

Non delude Mahmood e rilascia un pezzo che sconvolge quanto fatto fin’ora. Punta sempre all’oriente ma lo fa con un attitude diverso, correndo anche il rischio di non essere capito. La metafora del demone potrà non essere immediata ma l’accoppiata Mahmood-Durdust riescono comunque nell’intento di concepire un singolo dall’alta emotività, quasi struggente. 

Ecco l’audio della canzone ↓

Il testo

Quando mi dici addio tu mi spezzi il cuore
Arrivare ad alzare le mani
Non mi piace più

Se litighiamo in mezzo ad altre persone
Non ha senso chiedere agli amici (tuoi)
Chi ha la ragione
Se per te non vale un cazzo chi siamo
Oggi per me noi valiamo più di Ocean drive
Se ti chiedo come stai
la verità brucia in faccia
Come la cicatrice di Inuyasha
Non so più come
Stiamo ancora in piedi
Non sarò mai uno di quei rich kid
Mi vedi e lo capisci
Stare con me ti sembrerà
Come planare sui go kart
L’ammetto che non ho fatto di tutto
Per dirti in faccia che oramai
Dire addio non vuol dire che è la fine
Metterò il peggio di me
Dentro una crisalide
Per non farti più male
Se lo farai anche te
Passare tutti i giorni insieme fa paura
Dirti che voglio stare solo è difficile
La gente ti parla poi ti ama vuole tutto poi ti spara
Preferisco te a chi mi mente
Scopare in giro non mi lascia niente
Non sarò mai uno di quei rich kid
Mi vedi e lo capisci
Stare con me ti sembrerà
Come planare sui go kart
L’ammetto che non ho fatto di tutto
Per dirti in faccia che oramai
Dire addio non vuol dire che è la fine
Metterò il peggio di me
Dentro una crisalide#

Per non farti più male
Se lo farai anche te

Penso qua sopra al muretto di casa come ho fatto a credere che alla mia età

Si possa andare avanti senza perdono
Perché di sputarsi in faccia in piazza duomo non mi va

Dammi dammi dammi
Un motivo per non fare danni danni danni
Queste più che parole son drammi drammi drammi drammi eh

Fanculo se spari me
Non sarò mai uno di quei rich kid
Mi vedi e lo capisci
Stare con me ti sembrerà
Come planare sui go kart
L’ammetto che non ho fatto di tutto
Per dirti in faccia che oramai
Dire addio non vuol dire che è la fine
Metterò il peggio di me
Dentro una crisalide
Per non farti più male
Se lo farai anche te

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it