Sanremo 2021, CTS dà il via libera al festival. Si parte il 2 marzo

Sanremo 2021, CTS dà il via libera al festival. Si parte il 2 marzo

Ariston senza pubblico e kermesse blindata
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Può iniziare il conto alla rovescia, Sanremo 2021 si farà. Il comitato tecnico scientifico ha dato parere favorevole  per l’organizzazione anti Covid della settantunesima edizione del festival. A confermarlo è stato Amadeus, intervenuto in diretta al Tg1 delle 20.

Siamo felicissimi perché questo via libera ufficiale vuol dire non fermare la musica, vuol dire poter dare agli italiani uno spettacolo importante che è quello che stiamo organizzando”, ha dichiarato entusiasta il conduttore. “Il Festival di Sanremo ci appartiene e anche in un anno così difficile la festa ci può essere con le dovute accortezze. La festa, però, sarà soprattutto nelle case dei telespettatori”, ha concluso.

Festival blindato: tutte le regole

Sarà un festival super blindato quello in programma dal 2 al 6 marzo con un Teatro Ariston, come anticipato nei giorni scorsi, senza pubblico.

Non ci sarà nessuna trasmissione collegata, nessun palco esterno, giornalisti contingentati alle prove generali e nella sala stampa (spostata per l’occasione al Casinò di Sanremo), mascherine e guanti obbligatori per tutti, tamponi ogni 72 ore.

I premi saranno consegnati su carrelli igienizzati di volta in volta e sul palco dovrà essere tenuta la distanza di due metri, un metro e mezzo per gli appartenenti alla stessa band. Garantire la massima sicurezza per artisti e lavoratori è l’obiettivo della kermesse.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it