Due di cinque: Lo Stato Sociale pubblica il disco di Checco

Due di cinque: Lo Stato Sociale pubblica il disco di Checco

Dopo aver debuttato con il lavoro di Bebo, continuano l'avventura settimanale alla scoperta del collettivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Lo Stato Sociale continua l’avventura  alla scoperta dei mondi personali di ognuno dei ragazzi della band. Lo avevano promesso, cinque dischi da pubblicare a cadenza settimanale.

Dopo aver debuttato con il lavoro di Bebo, esce oggi, via Garrincha Dischi/Island Record, il disco di Checco, autore di cinque tracce inedite. Un lavoro concepito come “un viaggio circolare in Interrail che parte da una costa e finisce ai confini dell’Universo (…) uno scambio di lettere tra amici per chiedersi: come va, come stai?”.

Cinque brani nati tra l’isolamento e il lavoro di gruppo

La voce di Francesco “Checco” Draicchio è limpida come la sincerità che esprime nel corso di questa esplorazione in cinque episodi, nati in parte nel corso dell’isolamento forzato durante il lockdown (“Barca” e “Luce”) e in parte insieme ai compagni d’avventura de Lo Stato Sociale: “Delorean” è scritta a quattro mani con Albi, Vivere insieme a Lodo (“una specie di vestito in cui entravamo bene entrambi“) e Perso con Bebo.

l’indagine intima e personale di Checco per (ri)scoprirsi e essere più onesto con se stesso e con gli altri, facendo emergere – nonostante il lavoro in solitaria – quella spiccata attitudine al far parte di una comunità, sia essa una famiglia, una band o un gruppo di amici.

Dentro, infatti, ci sono un sacco di persone a cui si rivolge attraverso una corrispondenza epistolare che regala emozioni in un susseguirsi di parole sature di passione (come in Luce”, omaggio a Mirko “Zagor” Bertuccioli), come sature sono le sonorità generate dalla mescolanza di chitarre elettriche e suoni sintetici su pattern ritmici sapientemente filtrati.

Checco è il regaz con il punk nelle vene e non a caso ha scelto nel suo team Giacomo Gelati (Altre di B) per disegnare le traiettorie chitarristiche e Andrea “Sollo” Sologni (Gazebo Penguins) al basso e dietro al mixer nel miscelare un lavoro dall’orizzonte tanto ampio quanto profondo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it