L'avanzata dei Tik Tok influencers nel mondo della moda

Pillole di stile | L’avanzata dei Tik Tok influencers nel mondo della moda

Le nuove piattaforme sono rampe di lancio per aspiranti influencers e modelli alle prime armi che, grazie alla loro creatività, rendono i capi, mode e trends più popolari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Giovani e social network viaggiano in parallelo sfidando non solo le regole della società contemporanea ma anche quelle provenienti dal mondo della moda. Twitch, Instagram, Facebook, per non parlare di TikTok, sono rampe di lancio per aspiranti influencers e modelli alle prime armi che, grazie alla loro creatività, rendono i capi di
abbigliamento, mode e trends più popolari nonché maggiormente desiderabili al grande pubblico.

Qualche giorno fa, Noah Beck, il diciannovenne più popolare di Tik Tok (oltre 24mil di followers), grazie ai suoi balli e video sync da milioni di visualizzazioni, è stato invitato come ospite VIP a guardare l’ultima collezione uomo autunno/inverno di Louis Vuitton 2021 presentata virtualmente al grande pubblico dalla sua casa di Los Angeles. Vestito interamente Vuitton con maglione fantasia, bomber Damier reversibile, pantaloni neri e scarpe sneakers, l’influencers è stato invitato a selezionare 7 outfits di sua preferenza tra quelli proposti con grande entusiasmo dei suoi fans.

Dixie D’Amelio, classe 2001, non è da meno del suo ragazzo Noah Beck. Con oltre 48milioni di followers su Tik Tok ha destato l’attenzione della casa di abbigliamento casual Hollister e ancor di più di re Valentino. Alle telecamere di Vogue di qualche giorno fa, la D’Amelio si è improvvisata modella per un giorno, indossando diversi outifts Valentino Garavani tra cui spiccano uno short in double splittable gabardine V Gold abbinato ad una camicia popeline stampata, un top e pantalone popeline stampato e ricamato, per concludere con un abito corto in cady stampato. Sullo sfondo una bellissima borsa hobo piccola 03 rose edition color nero decisamente interessante. La possibilità di girare video in 60secondi e l’aiuto dei Transition ha reso TikTok ancora più interessante agli occhi dei designers e grandi marchi soprattutto in periodo pandemia. Grazie all’iniziativa di alcuni influencers quali @wisdm8, @andoej, @evelilythrifts (solo per citarne qualcuno) intitolata ‘What I would wear Front Row to different designer runway shows’, è stato possibile ‘vivere’ in maniera divertente ed originale le collezioni digitali.
Chiunque, con fantasia ed interpretazione personale, ha dato vita a brevi video, immaginandosi special guest in prima fila delle ultime collezioni e, con il solo aiuto della mimica e della musica, esprimere consenso per le nuove collezioni, indossando diversi outfits e accessori firmati ed il tutto rimanendo nella comodità di casa propria. L’effetto non sarà stato come assistere dal vivo ma la creatività e l’originalità dell’iniziativa hanno reso la distanza più corta e l’interesse per le ultime fashion weeks di gennaio decisamente alto.

Non a caso, Dolce e Gabbana ha voluto omaggiare i giovani e le loro piattaforme attraverso la sua ultima sfilata ‘#DGTogether’, avvenuta il 1 febbraio, sul suo sito online in collaborazione con Farfech. Il messaggio dei designers è stato chiaro: “Si può credere in un futuro nuovo, libero e creativo. Perché oggi per arrivare ai ragazzi non bastano il fatto a mano e il sartoriale: il tessuto classico c’è, ma in versione patchwork, così come il gessato diventa un mondo da esplorare in tutte le sue varianti di colore e magari da abbinare a una pelliccia di piume di struzzo che era stata pensata per l’alta moda ma che non era entrata in sfilata”.  Via allora all’abbinamento di camicie e abiti scintillanti, collane, orecchini e nail art incluso, con bomber ricamati e piumini over, felpe con cristalli e cappotti patchwork, completi da boxe iridescenti e abiti in Galles, cappottini bouclé con paillettes e jeans con pendagli.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it