Tumore al seno: scoperto l’enzima capace di contrastare le metastasi

  Il tumore al seno è la più frequente neoplasia femminile e, in Italia, la malattia colpisce poco più di cinquantamila donne all’anno. Nonostante questi numeri, però, questo tipo di tumore è anche uno di quelli che presenta i più alti tassi di guarigione e le probabilità di essa sono tanto più alte quanto più […]

 

Il tumore al seno è la più frequente neoplasia femminile e, in Italia, la malattia colpisce poco più di cinquantamila donne all’anno. Nonostante questi numeri, però, questo tipo di tumore è anche uno di quelli che presenta i più alti tassi di guarigione e le probabilità di essa sono tanto più alte quanto più la diagnosi è precoce.

Ci sono notizie sempre più incoraggianti provenienti dalla ricerca scientifica.
Infatti, un team di ricerca internazionale guidato dagli scienziati di vari dipartimenti dell’Università della California di San Francisco (USA) in collaborazione con i colleghi del Dipartimento di Regolazione Biologica d’ Israele, ha dimostrato che bloccando un singolo enzima, chiamato MMP9, è possibile arrestare la proliferazione delle metastasi del cancro al seno.

Negli esperimenti condotti su topi geneticamente modificati hanno impedito che le metastasi attecchissero sui polmoni e hanno osservato come l’inattivazione dell’enzima, inoltre, favorisse l’azione delle cellule immunitarie, che sono fondamentali per difendere il nostro organismo.

Per capire meglio…cosa è una metastasi? È il fenomeno con cui le cellule tumorali si spostano dalla zona in cui si sono formate a un’altra parte del corpo, viaggiano nel sangue e formano un nuovo tumore in altri organi o tessuti. Grazie alla ricerca scientifica, si è dimostrato che le metastasi polmonari si stabiliscono presto durante l’insorgere del tumore al seno.
Quindi l’inibizione dell’enzima MMP9, che promuove la migrazione, l’invasione e la formazione di colonie di cellule tumorali sarà fondamentale per impedire la formazione di metastasi nei polmoni.

Questo nuovo studio ha permesso di identificare dei meccanismi che si verificano agli stadi iniziali del tumore e potrebbe portare allo sviluppo di nuove strategie terapeutiche.
Sembrerebbe, inoltre, che alcuni pazienti potrebbero trarre beneficio dalla terapia per controllare o ritardare l’insorgenza di metastasi nascoste e non visibili neanche attraverso esami radiografici.

Per il momento l’inibizione di questo enzima si è rivelata efficace nell’impedire le metastasi su modelli animali, saranno necessari ulteriori studi per scoprire come applicarla sugli uomini, ma tutto questo apre le porte a potenziali trattamenti innovativi per le forme diffuse di tumore al seno.

Lo sapevi che…

  • Molte persone e soprattutto molti uomini non sono consapevoli dell’esistenza del tumore del seno maschile. È raro, ma esiste. Rispetto al tumore del seno femminile la sua frequenza è pari a circa lo 0.7% e di conseguenza vi sono poche conoscenze specifiche. Nella maggior parte dei casi il tumore del seno maschile insorge dopo i 60 anni.
  • Cancro e tumore sono usati spesso come sinonimi, ma non sono due parole equivalenti. Infatti il tumore è una proliferazione cellulare anomala e può essere limitata alla sede di origine, oppure può dare origine a metastasi. La parola cancro invece indica solo un tumore in grado di produrre metastasi.
  • Alcuni tipi di cancro sono sensibili agli effetti del movimento, che ne riduce l’incidenza: per ora la relazione diretta è stata dimostrata solo per il cancro del colon, dell’endometrio e del seno. Anche se il meccanismo per cui l’attività fisica esercita un’azione anticancro non è ancora del tutto chiaro per alcuni tumori, chi fa sport si ammala meno di chi conduce una vita sedentaria perché il movimento induce l’organismo a produrre sostanze protettive o a ridurre il livello di infiammazione dell’organismo e le concentrazioni di sostanze pro-cancro.

Dubbi e domande…

Mariangela, 16 anni
Tutti i ceppi della mia famiglia hanno avuto un tumore al seno…
Anonima,
Per quanto riguarda il vaccino contro il cancro al collo dell’utero… è vero che dopo la seconda dose si possono avere rapporti??…


Spot della “Race of the cure“, la più grande manifestazione per la lotta ai tumori del seno del mondo…

https://www.youtube.com/watch?v=tkyZX5SsAu

 

 

2021-02-18T12:50:28+01:00