Wrongonyou si confessa: “Chi mi chiamava ‘ciccione’ ora mi chiede i selfie”

Il cantautore, tra le Nuove Proposte di Sanremo, pubblica a marzo il suo nuovo disco: "Sono io"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È tra i dieci giovani che si contenderanno una vittoria nelle ‘Nuove Proposte’ del Festival di Sanremo nonostante la sua gavetta sia già lunga. Wrongonyou riparte, però, proprio dalla kermesse alla vigilia dell’uscita del suo secondo album. Sarà il 12 marzo per Carosello Records ‘Sono io’, un disco pieno di verità in cui il cantautore di Grottaferrata si mette completamente a nudo mostrando il suo lato personale come non ha mai fatto prima. Ne esce un lavoro sincero che, nelle 9 tracce presenti in tracklist, parla dell’ultimo anno vissuto da Marco Zitelli – questo il vero nome del cantautore – delle sensazioni provate in quarantena, del suo rapporto con le donne e con la musica in un compendio di confessioni e ricordi, che comprendono anche una dedica a ‘Nonno Bruno’.

TRACKLIST: 01_SONO IO, 02_LEZIONI DI VOLO, 03_VERTIGINI, 04_NADA, 05_BON IVER, 06_PRIMA CHE MI PERDA ANCORA, 07_TORNIAMO DA NOI, 08_NONNO BRUNO, 09_AMORPROPRIO

Dopo il passaggio dall’inglese all’italiano, Wrongonyou acquista più sicurezza e parla ai suoi fan senza filtri. Parola d’ordine, quindi, sincerità.

“Ho tolto qualsiasi maschera- ha raccontato l’artista classe 1990 ai giornalisti presentando il suo nuovo lavoro- e qualsiasi peso. C’è, per la prima volta, più Marco e meno Wrongonyou perché Wrongoyou sta nella parte artistica, Marco sta nella parte emozionale questa volta”.

Il rapporto con i chili di troppo e il bullismo

E l’onestà del disco traspare anche dal modo in cui Wrongonyou lo racconta, senza tralasciare le crisi vissute durante la quarantena dello scorso anno o il percorso che lo ha portato a perdere 20 chili.

“Sentivo un disagio nei miei confronti- ha spiegato il cantautore- Sono alto 1.92 e pesavo 130 chili. Guardando le mie foto dicevo ‘Non mi piaccio’. Qualcuno scriveva su YouTube ‘Sei un ciccione’ ma non l’ho fatto per quello. Casadilego ha vinto X Factor. Lei rappresenta questa situazione e questo dimostra che la musica va oltre l’immagine“.

E del suo passato Marco ha rivelato:

Sono stato stra bullizzato, ricordo con dolore le medie. Ero cicciottello, sono sempre stato quello strano e diverso. Ora mi fa strano che i miei compagni mi vengano a chiedere le foto. L’importante- ha sottolineato- è fregarsene e parlarne per sfogarsi. Io ricordo di essere stato pieno di rabbia, per vergogna non se ne parla con un genitore, un amico, uno psicologo. Per imbarazzo non si parla perché magari non si vuole mettere ancor di più a nudo i propri difetti. La cosa che consiglio è quella di sfogarsi prima di fare cavolate di cui ci si può pentire ma soprattutto se uno deve dimagrire non lo deve fare per lavoro o per Instagram, lo deve fare per se stesso”.

Ora Wrongoyou si toglie qualche sassolino dalle scarpe e approda sul palco di Sanremo con un vortice di sensazioni:

“Sono molto emozionato di andare a Sanremo. Per me è un punto di partenza”.

Marco non nega anche “un po’ di ansietta” e “la fobia di cadere di faccia scendendo le scale dell’Ariston”. In gara canterà ‘Lezioni di volo’, singolo scritto e prodotto insieme ad Adel Al Kassem e Riccardo Scirè.

Unico obiettivo, al di là del risultato, è “fare una bella figura e arrivare per come sono io. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it