Ermal Meta: “Mi sono sentito invisibile, a Sanremo torno a cantare”

Il cantautore torna alla kermesse per la prima volta con una ballad

25 Febbraio 2021

ROMA – Il Festival di Sanremo come opportunità per tornare sul palco e suonare dal vivo. È questa la visione di Ermal Meta riguardo la sua prossima partecipazione alla kermesse. Il cantautore – dopo la vittoria nel 2018 con ‘Non mi avete fatto niente’ – torna in gara con ‘Un milione di cose da dirti’, una canzone scritta tre anni fa che arriva sul palco con un grande desiderio di essere cantata live.

“Non mi aspetto di andare al festival e fare una scorpacciata. Ci vado con uno spirito diverso. Tornare al festival dopo che sei stato sul primo gradino del podio potrebbe far pensare che vuoi replicare. A me non interessa, vado perché l’Ariston è l’unico palco su cui suonare, ha spiegato ai giornalisti lo stesso artista alla vigilia della partenza per la città dei fiori.

E lo ha sottolineato più volte Ermal, non guarderà le classifiche che lo vedono tra i favoriti: “Ci vado con un proposito prettamente musicale. Voglio salire sul palco e cantare al meglio la mia canzone e la cover. L’unica cosa che mi interessa è che chi mi ascolta si emozioni come sicuramente sarò emozionato io.

Al festival per la prima volta con una ballad

Per la prima volta, Ermal si presenta con una ballad nata da un momento di grande solitudine, che in ambiente lavorativo spesso lo ha fatto sentire quasi fuori dal mondo:

È successo per tantissimi anni di sentirmi invisibile e di esserlo. È stato questo che mi ha spinto a mettermi ‘in proprio’ dal punto di vista musicale. Quando ho iniziato a scrivere per gli altri, mi faceva strano vedere tante interviste da parte di colleghi che raccontavano come fosse nata una canzone che in realtà avevo scritto io. Loro non sapevano nulla di come fosse stata scritta”.

Così è nata ‘Un milione di cose da dirti’: “Avevo un blocco emotivo e interiore. Per potermene liberare ho scritto la canzone in dieci minuti”, ha ricordato il cantautore. Il brano, però, è anche una canzone d’amore che Ermal definisce ‘verticale’: “Una semiretta che parte ma che non sai dove va a finire. È una canzone aperta che racconta la gioia che deriva dalla consapevolezza di aver avuto qualcosa di importante”.

Il nuovo disco, “Tribù urbana”

‘Un milione di cose da dirti’ sarà contenuta in ‘Tribù urbana’, il prossimo disco di inediti. Un lavoro nato in quarantena con il chiodo fisso nella testa di fare live: “Ho una voglia immensa di portarlo dal vivo. L’ho concepito cosi”.

Sonorità più rock perciò si mescolano al cantautorato: “Mi sono messo in platea immaginando di essere parte del pubblico. Mi sono messo nei panni di chi viene ai miei concerti e vuole cantare le canzoni a squarciagola. È una commistione di cose diverse, non sono rimasto all’interno di un genere”.

Il lavoro sarà disponibile su tutte le piattaforme dal 12 marzo. 

2021-02-26T11:57:19+01:00