Da La Vita di Adele a Malala: 15 film che celebrano le donne

Buona visione!

ROMA – Donne libere, coraggiose e fragili. Donne emancipate, dissacranti, ribelli. Donne bellissime nelle loro imperfezioni. Il cinema si sta impegnando sempre di più nel raccontare figure femminili che hanno cambiato la storia, la loro condizione sociale o la sessualità. Una fonte di ispirazione per il pubblico di tutte le età.

In occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale dei diritti della donna, abbiamo raccolto 15 film che celebrano l’universo femminile

1. THELMA & LOUISE (1991)

LA STORIA

Due amiche, durante un viaggio in auto per una breve vacanza all’insegna della libertà e lontano dai loro uomini, si trovano a commettere una serie di azioni criminose che le costringono ad una disperata fuga per la sopravvivenza.

2.  LA VITA DI ADELE (2013)

LA STORIA

Tra Adele (una liceale francese) ed Emma (una ragazza dai vistosi e appariscenti capelli blu) inizia un’appassionata relazione sentimentale che sfocia in un rapporto di convivenza. Le amicizie di Emma sono colte ed estrose e (per questo motivo) comincia a sentirsi a disagio con Adele, considerandola priva di ambizioni. Adele, pur amando Emma, cede al corteggiamento di un collega di lavoro: la loro storia si interrompe bruscamente. Le vite delle due ragazze si separano proseguendo per alcuni anni senza incontri. Il mal d’amore sofferto da Adele è tristemente intenso. I due ultimi, disperati, tentativi di Adele (da allora rimasta single) di riallacciare il rapporto sentimentale con Emma (che al contrario ha cominciato una nuova relazione con un’altra donna) non vanno a buon fine.

3. IL DIRITTO DI CONTARE (2017)

LA STORIA

Dorothy Vaughn (Octavia Spencer) e Mary Jackson (Janelle Monae), tre brillanti donne afroamericane che – alla NASA – lavorarono ad una delle più grandi operazioni della storia: la spedizione in orbita dell’astronauta John Glenn, un obbiettivo importante che non solo riportò fiducia nella nazione, ma che ribaltò la Corsa allo Spazio, galvanizzando il mondo intero. Le tre pioniere – superando ogni forma di barriera – sono state un modello d’ispirazione per generazioni.

4. FRIDA (2002)

LA STORIA

Il film narra le vicende della vita della famosa pittrice messicana Frida Kahlo (Salma Hayek) con particolare riferimento alla burrascosa relazione con il marito Diego Rivera, anche lui pittore, e al circolo di amici e amanti frequentato dalla coppia tra cui figurano alcuni dei maggiori esponenti della politica e della cultura dell’epoca. Bisessuale, comunista e affetta da una grave menomazione alle gambe dovuta alla poliomelite di cui aveva sofferto da bambina e a un grave incidente. Frida muore a soli 47 anni per abuso di droga e alcool.

5. SOGNANDO BECKHAM (2002)

LA STORIA

Jesminder è una giovane ragazza indo-britannica. Ha 18 anni e una profonda passione per il calcio. Vive a Londra, dov’è costretta a lottare contro le imposizioni della propria famiglia, particolarmente conservatrice. Conosce Juliette, ragazza bianca inglese, e tra loro nasce una splendida amicizia, tra differenze culturali, voglia d’indipendenza e problemi di cuore.

6. PICCOLE DONNE (2020)

LA STORIA

La regista Greta Geriwg ha realizzato il film di Piccole Donne basato sia sul romanzo classico di Louisa May Alcott che sui suoi scritti, ripercorrendo avanti e indietro nel tempo la vita dell’alter ego dell’autrice, Jo March. Secondo la Gerwig, la tanto amata storia delle sorelle March – quattro giovani donne ognuna determinata a inseguire i propri sogni – è al tempo stesso intramontabile e attuale. Jo, Meg, Amy e Beth March, nel film sono interpretate rispettivamente da Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, ed Eliza Scanlen, con Timothee Chalamet nei panni del loro vicino Laurie, Laura Dern in quelli di Marmee, e Meryl Streep nel ruolo della Zia March.

7. SUFFRAGETTE (2015)

LA STORIA

Il film ripercorre la storia delle militanti del primissimo movimento femminista, donne costrette ad agire clandestinamente per difendersi da uno Stato sempre più brutale. In lotta per il riconoscimento del diritto di voto, e facendo ricorso alla violenza come unica via verso il cambiamento, queste donne erano disposte a perdere tutto nella loro battaglia per l’eguaglianza: il lavoro, la famiglia, i figli e la vita. MAUD è stata una di queste militanti. La storia della sua lotta per la dignità è al tempo stesso struggente e di grande ispirazione. 

8. AGORA

LA STORIA

Nell’Alessandria d’Egitto del 391 dopo Cristo, la filosofa Ipazia, ultima erede della cultura antica e forse, in quanto donna, massima espressione di una lunga evoluzione civile e di una libertà di pensiero che non si rivedrà più fino all’epoca moderna, viene travolta dalla crisi di un mondo, quello pagano, che non ha saputo ripensarsi, trovandosi così impreparato di fronte al nascere – e presto al dilagare – di movimenti religiosi sempre più fanatici e intolleranti. Fra questi i “parabolani”, la setta cristiana che arriva a distruggere la biblioteca del Serapeo, dove Ipazia lotta insieme ai suoi discepoli per salvare la saggezza del Mondo Antico. Tra questi ultimi, due uomini in lotta per il cuore della filosofa: larguto e privilegiato Oreste e Davo, il giovane schiavo di Ipazia, che è diviso tra lamore segreto per lei e la libertà che potrebbe ottenere se si unisse alla rivolta ormai inarrestabile dei cristiani. Con ostilità implacabile, il vescovo Cirillo attacca senza sosta “l’eretica” Ipazia, fino a condannarla a morte.

9. THE POST (2018)

LA STORIA

1971: Katharine Graham (Meryl Streep) è la prima donna alla guida del The Washington Post in una società dove il potere è di norma maschile, Ben Bradlee (Tom Hanks) è lo scostante e testardo direttore del suo giornale. Nonostante Kay e Ben siano molto diversi, l’indagine che intraprendono e il loro coraggio provocheranno la prima grande scossa nella storia dell’informazione con una fuga di notizie senza precedenti, svelando al mondo intero la massiccia copertura di segreti governativi riguardanti la Guerra in Vietnam durata per decenni. La lotta contro le istituzioni per garantire la libertà di informazione e di stampa è il cuore del film, dove la scelta morale, l’etica professionale e il rischio di perdere tutto si alternano in un potente thriller politico. I due metteranno a rischio la loro carriera e la loro stessa libertà nell’intento di portare pubblicamente alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni.

10. UNA DONNA IN CARRIERA (1988)

LA STORIA

Tess McGill è una giovane segretaria che vive alla periferia di New York e lavora a Manhattan. Desiderosa di sfondare nell’alta finanza e restia ad accontentarsi della vita ordinaria che conducono molte sue colleghe, Tess rifiuta sistematicamente di scendere a compromessi e, nel giro di sei mesi, arriva a cambiare postazione e dirigente di lavoro quattro volte.

La direttrice dell’ufficio del personale della società per cui lavora le offre un’ultima possibilità: lavorare come segretaria per il “boss” Katherine Parker nel settore fusioni e acquisizioni. Tess accetta e subito inizia a seguire i consigli del nuovo capo, che la invita ad eleggerla suo modello per avere, un domani, successo. Parker si dimostrerà subito capricciosa e dispotica, divertita dal fatto di essere coetanea della sua segretaria e di essere in una posizione di vantaggio.

Tess confida a Parker una propria idea di progetto finanziario che potrebbe interessare le Trask Industries; Parker la dissuade invitandola a portarle altre idee, ma in realtà si appropria dell’idea della segretaria e cerca di tenerla all’oscuro. Quando Parker si frattura una gamba su una pista da sci e resta costretta a letto per due settimane, Tess scopre del furto dell’idea e decide di riappropriarsi del proprio progetto. Si spaccerà per un boss della finanza del calibro di Parker e, coinvolgendo un agente di un altro studio, di cui s’innamorerà e che si scoprirà poi essere il fidanzato di Katherine Parker, arriverà al suo scopo.

11. AMELIA (2009)

LA STORIA

Amelia Earhart è una giovane aviatrice che, nel 1928, per iniziativa del magnate dell’informazione George Putnam, ad un solo anno di distanza dal primo viaggio transatlantico in solitaria di Charles Lindbergh, dapprima compie lo stesso percorso come passeggera, poi lo effettua in solitaria. Stabilisce così in rapida successione il primato di prima donna a sorvolare l’oceano Atlantico e quindi di prima donna ad effettuare in solitaria un viaggio transatlantico.

I continui record infranti, grazie anche all’efficace battage pubblicitario messo su da Putnam, che intanto è diventato suo marito, danno alla Earhart una fama mondiale facendola assurgere ad una sorta di eroina nazionale.

Amelia, sempre impegnata nella promozione dell’aviazione, intrattiene poi una relazione con l’ex atleta e pilota Gene Vidal che le riserverà un posto di particolare importanza nella compagnia aerea che ha costituito. Suo marito, che ormai organizzava sempre meno voli avventurosi preferendo per la moglie eventi promozionali e pubblicità, anche per riconquistarne l’amore si adopera per organizzarle il sogno della vita, il viaggio intorno al mondo. Amelia lascia così Vidal e si getta anima e corpo nella nuova impresa. Questa, una volta trovati i fondi, presenta comunque la non trascurabile difficoltà tecnica di dover trasvolare l’Oceano Pacifico che presenta così pochi approdi da costringere a delle tappe molto complesse per lunghezza e raggiungibilità dei siti.

Dopo un primo tentativo fallito direttamente al decollo, dalle isole Hawaii, si decide comunque di perseguire il progetto effettuando diverse correzioni, come la direzione di rotta che viene invertita, facendo risultare così l’Oceano Pacifico al termine del giro del globo. Dopo settimane di perfetta navigazione attorno al mondo, la Earhart e il suo navigatore Fred Noonan, si devono presentare a quello che è il passaggio più pericoloso del loro viaggio, il rifornimento presso la minuscola isola Howland. Provando a raggiungere la stessa, dopo numerosi febbrili tentativi di contatto radio, il 2 luglio 1937, le flebili trasmissioni provenienti dal volo si interrompono definitivamente. La pioniera dell’aviazione Amelia Earhart, scompare nel nulla con il suo aereo e il suo navigatore, quando non ha compiuto ancora 40 anni. Nonostante una imponente azione di ricerca intrapresa dalla marina e dalla aviazione statunitense, non sarà trovata più alcuna traccia né del veicolo, né dei due sfortunati occupanti.

12. COCO AVANT CHANEL (2008)

LA STORIA

Simbolo cardine della modernità e dell’emancipazione della donna, Coco Chanel viene raccontata sublimamente dal talento artistico di Anne Fontaine e dalla bravissima attrice Audrey Tautou, che ne interpreta magistralmente il ruolo. Liberamente tratto dal romanzo di Edmonde Charles-Roux, LIrrégulière ou mon Itinéraire Chanel, il film si concentra sui primi anni dellesistenza di questa donna fuori dal comune che riuscì a creare una delle maison più importanti nella storia della moda, archetipo di raffinatezza ed eleganza universali.

13. MALALA (2015)

LA STORIA

Malala è un ritratto intimo e personale del Premio Nobel per la Pace Malala Yousafzai, divenuta un obiettivo dei Talebani e rimasta gravemente ferita da una raffica di proiettili durante un ritorno a casa sul bus scolastico, nella valle dello Swat in Pakistan. Allora quindicenne (ha compiuto 18 anni lo scorso luglio) era stata presa di mira, insieme a suo padre, per la sua battaglia a favore dell’istruzione femminile, e l’attentato di cui rimase vittima ha suscitato l’indignazione e le proteste di sostenitori da tutto il mondo. Miracolosamente sopravvissuta, ora conduce una campagna globale per il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini nel mondo, come co-fondatrice del Fondo Malala.

14. RED JOAN (2019)

LA STORIA

Red Joan, film diretto da Trevor Nunn, racconta la vera storia di Joan Stanley (Judi Dench), una casalinga anziana che conduce una vita tranquilla e umile che, nei primi anni del Terzo Millennio, viene improvvisamente arrestata con l’accusa di essere stata una spia al servizio del comunismo negli anni del college, tra la fine degli anni Trenta e l’inizio dei Quaranta.
Nel serrato interrogatorio che segue l’arresto emergerà, dopo oltre 40 anni, la vera identità dell’“Agente Lotto”, ma soprattutto, le ragioni che la mossero a tradire. Cambridge 1938. Joan, studentessa di fisica, si innamora dell’affascinante Leo Galich, giovane comunista, che le farà vedere il mondo sotto una nuova luce. Assunta poco dopo in una struttura di ricerca nucleare top secret, durante la Seconda Guerra Mondiale, Joan si rende conto che la distruzione totale sta divenendo pericolosamente attuale. Quale prezzo pagheresti per la pace? Joan deve scegliere se tradire il proprio paese ed i propri affetti oppure salvarli.

15. THE HELP (2011)

LA STORIA

Siamo a Jackson, Mississippi, e corre l’anno 1963. Eugenia Phelan, detta Skeeter, è una ragazza bianca che fa ritorno nella cittadina dove è cresciuta, nella casa dei suoi ricchi genitori, dei proprietari terrieri. Skeeter non è una ragazza come le sue coetanee, le quali hanno un unico desiderio, quello di sposare un uomo facoltoso e fare bambini. Il suo sogno, invece, è quello di diventare una scrittrice e fare carriera. Inizia così a lavorare per un piccolo quotidiano della città, mentre nel frattempo intraprende un progetto editoriale con un’importante casa editrice di New York, in cui l’influente Miss Stein è disposta a darle un appoggio migliore.

Skeeter si guarda attorno e trova sempre più anacronistica la situazione dello Stato del Mississippi, profondamente caratterizzato da segregazione e razzismo. A Jackson molte donne afroamericane lavorano come domestiche presso le famiglie bianche benestanti e sono costrette a subire umiliazioni e trattamenti discriminatori, come quello di mangiare utilizzando stoviglie proprie e stando ben lontane dal tavolo dove tutta la famiglia si serve. Aibileen Clark è una donna afro-americana che ha passato la maggior parte della sua vita a crescere i figli dei bianchi e che da poco tempo ha perso il suo unico figlio a causa di un incidente sul lavoro senza che nessuno lo soccorresse. Ora lavora presso l’immatura Elizabeth ed il suo compito principale è quello di badare alla sua bambina, della quale ormai è praticamente la vera madre. Minny Jackson è anche lei una domestica, dal carattere particolarmente spinoso, sposata con un uomo violento e madre di cinque figli.

Skeeter, per il suo progetto editoriale, pensa che possa essere originale e interessante raccontare la condizione di queste domestiche di colore, proprio dal loro punto di vista. Aibileen, nonostante sia percorsa da dubbi e timori, accetta di aiutare Skeeter, finendo per coinvolgere anche Minny, convinta anche dal crescente disagio nell’ambiente lavorativo. Minny infatti è stata licenziata da Hilly Holbrook perché ha utilizzato il bagno domestico, anziché andare ad espletare i suoi bisogni fuori, come suo dovere. Il gesto, in realtà causato da una tempesta di vento e pioggia che le impediva di uscire di casa, era una aperta sfida alla recente decisione delle famiglie bianche della città di assegnare bagni separati alle persone di colore in servizio presso le loro case.

Miss Stein, incuriosita dall’idea avuta dalla giovane giornalista, dopo i primi manoscritti, le chiede un racconto più robusto, arricchito da testimonianze di più persone, per far sì che si possa pubblicare. Minny, nel frattempo, trova lavoro presso Celia Foote, fragile e ingenua, poco pratica di faccende domestiche ma generosa e soprattutto immune dall’atteggiamento razzista dell’élite bianca locale che la snobba ed emargina. La donna inoltre viene isolata dalle altre perché divenuta la moglie dell’attraente ex fidanzato di Hilly. Purtroppo per Skeeter, stanti i continui atti di violenza e intimidazione contro gli afroamericani, nessun’altra domestica ha il coraggio di farsi avanti ad aiutarla, neppure in forma anonima. Questo fin quando, a seguito del brutale assassinio di Medgar Evers, attivista per i diritti degli afroamericani, ed incoraggiate dalle imponenti manifestazioni del Movimento per i diritti civili guidato da Martin Luther King, numerose domestiche afroamericane decidono finalmente di collaborare con la ragazza, assicurando al libro la pubblicazione ed il successo.

Skeeter divide i propri proventi con le donne che l’hanno aiutata, viene lasciata dal fidanzato che non è pronto a staccarsi dal conformismo nel quale è cresciuto, e ristabilisce il rapporto con la madre malata che in sua assenza aveva cacciato l’amatissima vecchia domestica Constantine per futili motivi. Ora la ragazza può lasciare Jackson e raggiungere New York per realizzare finalmente il sogno della sua vita.

2021-03-08T11:54:26+01:00