Su Pokémon GO arriva l’evento Elettromania per i Pokémon di tipo Elettro

Protagonisti Tynamo, MegaManectric e la Forma Totem di Thundurus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

I Pokémon di tipo Elettro protagonisti di un nuovo appuntamento su Pokémon GO. Dopo Psicomania e Bacomania, è il turno di Elettromania, evento incentrato sulla cattura, l’evoluzione e il potenziamento dei Pokémon “elettrici”.

Elettromania inizierà alle 10:00 di martedì 16 marzo per concludersi alle 20:00 di lunedì 22 marzo.

Tutte le info

  • I Pokémon di tipo Elettro selvatici, tra cui Geodude di Alola, Voltorb, Electrike, Stunfisk e tanti altri, appariranno con maggiore frequenza. Inoltre, Tynamo debutterà in Pokémon GO.
  • I seguenti Pokémon di tipo Elettro si schiuderanno dalle Uova da 5 km: Pichu, Elekid, Electrike, Shinx, Joltik, Tynamo e Stunfisk.
  • Per i compiti di ricerca sul campo esclusivi dell’evento sono previste ricompense come Poké Ball, megaenergia per Ampharos, megaenergia per Manectric, incontri con Pokémon di tipo Elettro e altro ancora.
  • Sarà disponibile la ricerca a tempo incentrata sull’evoluzione e il potenziamento dei Pokémon di tipo Elettro
  • I seguenti Pokémon appariranno nei raid:
    – Voltorb, Shinx, Blitzle, Klink e Tynamo appariranno nei raid a una stella.
    – Raichu di Alola, Graveler di Alola, Magneton e Ampharos appariranno nei raid a tre stelle.
    – La Forma Totem di Thundurus apparirà per la prima volta nei raid a cinque stelle.
  • Manectric megaevoluto, noto anche come MegaManectric, farà il suo debutto in Pokémon GO nei Mega Raid. Per il momento, ci saranno anche MegaHoundoom e MegaAbomasnow.

Bonus

Durante l’evento, ci saranno maggiori possibilità di ricevere oggetti Evoluzione all’apertura dei pacchi amicizia.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it