Avrei necessità di un chiarimento rispetto a degli attacchi d’ansia la sera…

Salve esperti avrei necessità di un chiarimento rispetto a degli attacchi d’ansia che spesso sopraggiungono la sera prima andare a dormire. E’ già da un mese che mi capita e negli ultimi giorni mi capita tutte le sere. Sono una ragazza di 23 anni, studio all’università ed ultimamente non riesco neanche a concentrarmi nello studio ho già saltato due sessioni di esami. Sono molto preoccupata e probabilmente questi attacchi sono legati a questo? Non sono preoccupata per questo virus ma soprattutto per tutta la situazione che ne consegue. Come posso risolvere tutto questo?

Anonima, 23 anni


Cara Anonima,
ci sembra che probabilmente hai colto una parte del problema legato a questi stati ansiosi. Sicuramente la situazione che state vivendo voi universitari è ancora più difficile rispetto agli altri studenti più piccoli. Siete ormai tagliati fuori dalla vita universitaria da molto tempo. Per vita universitaria non intendiamo solo il seguire in presenza le lezioni o sostenere gli esami dal vivo ma anche tutta la vita sociale che caratterizza il frequentare una università. Inoltre il fatto di avere saltato degli esami sicuramente avrà svegliato in te dei sensi di colpa, il non sentirsi in linea con gli esami ci spaventa anche per il fatto di aver perso del tempo prezioso. Ma se ci riflettiamo e ci confrontiamo con i nostri compagni di facoltà potremmo trovare le stesse difficoltà. Questo non vuol dire che allevierà o cancellerà l’ansia ma potrai stabilire con lei un contatto emotivo, potrai alleggerire i sensi di colpa e prendere atto che non sei tu che non vai bene in questo momento, ma è la situazione che stiamo vivendo a metterci a dura prova. Come spesso accade l’ansia ci coglie nei momenti in cui stiamo per rilassarci, come nella fase dell’addormentamento, quando sembra che finalmente possiamo lasciarci alle spalle una giornata faticosa ed intensa. Ci sembra comunque di capire che si sta intensificando nel tempo, potrebbe essere utile in questo casi, oltre a piccoli stratagemmi, come tisane, leggere libri, rivolgersi ad uno specialista per approfondire meglio. Potrebbe trattarsi solo di un periodo legato proprio all’emergenza della pandemia, ma per non cadere in un circolo vizioso, intraprendere un percorso terapeutico potrebbe essere utile per indagare e lavorare nel profondo su questi aspetti.
Un caro saluto!

2021-08-02T10:15:45+02:00