Luis Suárez dona 500 palloni alle squadre di calcio giovanili

In collaborazione con Puma anche scarpe da calcio in edizione limitata
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

In occasione del suo 500esimo gol, Luis Suárez ha stretto una partnership con Puma per donare 500 palloni alle squadre di calcio giovanili con sede in ciascuna delle città in cui ha giocato durante la sua carriera.
Ogni pallone è accompagnato da un messaggio speciale scritto dalla stella dell’Atlético de Madrid, per ispirare la prossima generazione di talenti.

“Volevo ridare qualcosa alle sette squadre che mi hanno plasmato come calciatore”, ha detto Luis Suárez. “Volevo dare una spinta alle squadre giovanili bisognose di supporto e attrezzature per ispirarle a seguire i loro sogni. Volevo rendere omaggio alle squadre, ai giocatori e ai tifosi che hanno fatto parte del mio viaggio: Nacional, Groningen, Ajax, Liverpool, Barcellona, ​​Madrid e Uruguay mi stanno molto a cuore, quindi questo è stato un tributo speciale a loro e alle loro comunità”.

Oltre ai palloni, Luis ha incluso un messaggio speciale per ognuna delle squadre in cui ha militato, ringraziandole per il supporto e l’impatto che hanno avuto su di lui, sia dentro che fuori dal campo.

“Raggiungere il record è un onore individuale, ma non avrei mai potuto realizzare questa impresa da solo. I miei compagni di squadra e i tifosi sono stati lì con me in ogni fase del percorso. Lo sport unisce le persone e unisce le comunità. Spero che la donazione e la lettera possano portare un sorriso sui volti delle persone. Il calcio mi ha dato tanto e vorrei restituire qualcosa alla gente”, ha concluso.

Per celebrare l’incredibile risultato di Luis, Puma ha lanciato “500 goal FUTURE Z”, una scarpa da calcio in edizione speciale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it