Torna l’ora legale: domenica si dorme un’ora in meno

Lancette in avanti il 28 marzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La notte tra sabato 27 e domenica 28 marzo lancette in avanti per il ritorno dell’ora legale.
Un’ora di sonno in meno è il prezzo da pagare per avere un po’ di luce in più durante il giorno.

Perché l’ora legale?

Dopo il Solstizio d’Inverno di dicembre si ha un cambio di rotta: le giornate iniziano ad allungarsi fino a raggiungere il culmine a giugno con il Solstizio d’Estate.

Portare avanti di un’ora le giornate in primavera significa sfruttare al meglio la luce naturale e diminuire ai limiti del possibile il consumo elettrico.

Quest’anno, l’ora legale inizia domenica 28 marzo alle ore 2 del mattino per terminare alle 3 del mattino di domenica 31 ottobre con l’ora solare.

La storia dell’ora legale

L’ora legale “nacque” a Londra nel 1916, quando la Camera dei Comuni approvò il cosiddetto British Summer Time, che implicava lo spostamento delle lancette un’ora in avanti durante l’estate.
Anche l’Italia aderì all’iniziativa, così come altri Paesi, perché in tempo di guerra il risparmio energetico era fondamentale.

Nel corso degli anni fu sospesa, abolita e ripristinata diverse volte.

Dal 1996, furono stabiliti in Italia i tempi dell’ora legale, ufficializzati da una legge nel 2010: inizio alle ore 2:00 del mattino dell’ultima domenica di marzo per terminare alle 3:00 del mattino dell’ultima domenica di ottobre.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it