Aurora Ramazzotti vittima di ‘cat calling’: ‘Chi lo fa mi fa schifo’

L'inviata delle Iene affida a una stories di Instagram il suo sfogo dovuto ad una serie di 'molestie verbali' ricevute mentre faceva jogging

ROMA – Fischi, sguardi, gesti. Apprezzamenti non richiesti che spesso ci troviamo a subire nel quotidiano senza poterli evitare e che rientrano nella parola ‘Cat calling‘. A parlarne è stata ieri  Aurora Ramazzotti, che a Instagram ha affidato il suo sfogo dopo aver terminato una sessione di jogging: “Possibile che nel 2021 succeda ancora di frequente il fenomeno del catcalling? – ha detto la ragazza – Sono l’unica che ne è vittima costantemente nonostante mi vesta da maschiaccio? Non appena mi metto una gonna o, come in questo caso, appena mi tolgo la giacca sportiva, perché sto correndo e fa caldo, devo subire fischi e commenti sessisti e altre schifezze”. Aurora poi ha concluso: “A me fa schifo. Se sei una persona che lo fa, sappi che fai schifo”. L’inviata ha poi lasciato ai suoi follower la definizione di catcalling. 

2021-03-30T15:35:04+02:00