Il Pesce d’aprile di Volkswagen finisce in disastro

La stampa americana si scaglia contro la casa automobilistica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ci sono scherzi che riescono bene e scherzi che non riescono. Poi c’è quello fatto da Volkswagen of America per il 1° aprile, un disastro da ogni punto di vista.
La casa automobilistica ha provato a fare un pesce d’aprile che non solo è fallito, ma ha fatto imbestialire i media americani.

Il pesce d’aprile di Volkswagen

Tutto ha avuto inizio qualche giorno fa, quando “per errore” l’azienda ha pubblicato sul suo sito web un comunicato stampa che rivelava un nome completamente nuovo per la sezione americana di Volkswagen, progettato per promuovere il suo passaggio ai veicoli elettrici. Il marchio, quindi, sarebbe diventato ufficialmente “Voltswagen”.

Il comunicato è stato poi cancellato dal sito, neanche tanto rapidamente, e la voce ha iniziato a girare a tal punto da “costringere” la casa automobilistica a rilasciare un tweet ufficiale che confermasse quanto scritto. Con tanto di nuovo logo.
Ma è bastata qualche ore per fare dietro front e ammettere si trattasse di un pesce d’aprile.

 

“La ridenominazione è stata concepita per essere nello spirito del pesce d’aprile”, ha detto la società. Peccato però che il pesce d’aprile si fa il 1° aprile, non il 31 marzo.

La stampa americana contro Volkswagen

Poteva finire così, come uno scherzo non riuscito. Ma c’è un’aggravante.
Testate importanti come AP, Usa Today e il Washington Post avevano riportato la notizia come vera, non per mancanza di approfondimento bensì dopo diverse rassicurazioni proprio dalla Volkswagen.

“Non è stato uno scherzo. È stato un inganno”, ha scritto su Twitter il giornalista di Usa Today Nathan Bomey, a cui fonti interne della Volkswagen avevano confermato il cambio di nome.

 

“L’Associated Press è stata ripetutamente assicurata dalla Volkswagen che la filiale statunitense aveva pianificato un cambio di nome. Abbiamo corretto la nostra storia e ne abbiamo pubblicato una nuova in base all’ammissione della società. Questo e qualsiasi rilascio deliberato di false informazioni danneggia il giornalismo accurato e il bene pubblico”, ha detto la portavoce di AP, Lauren Easton.

Insomma, a causa di un pesce d’aprile fallito, ora Volkswagen si è inimicata la maggior parte della stampa americana.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it