Il tennis italiano ha la sua nuova stella: “Jannik Sinner nella top 10 entro fine anno”

Giovani e con tanto, tanto talento: ecco la nuova generazione azzurra
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

Jannik Sinner è il volto-copertina della nuova generazione di tennisti italiani. Giovani e con tanto, tanto talento. La finale raggiunta al Master 1000 di Miami, poi persa contro il polacco Hubert Hurkacz dopo una semifinale pazzesca vinta contro il numero 11 al mondo Roberto Bautista Agut, ha acceso i riflettori sul 19enne di Sesto Pusteria.

La Fit – Federazione Italiana Tennis – in estasi per il traguardo del ragazzone con i capelli rossi, ha ricordato tuttavia che non è l’unico motivo per cui festeggiare. È la prima volta nella storia, infatti, che 10 atleti italiani sono nei primi 100 posti della classifica mondiale. Risultato che il presidente Fit ha definito come successo di tutto il movimento tennistico italiano”.

Ecco i dieci tennisti nella top 100:

  • Matteo Berrettini – n. 10
  • Fabio Fognini – n. 18
  • Jannik Sinner – n. 23
  • Lorenzo Sonego – n. 34
  • Stefano Travaglia – n. 69
  • Salvatore Caruso – n. 87
  • Lorenzo Musetti – n. 90
  • Gianluca Mager – n. 91
  • Marco Cecchinato – n. 93
  • Andreas Seppi – n. 96

 

 

I PRONOSTICI SU SINNER 

Jannik Sinner vola nel ranking dopo la finale di Miami e la top-10 ora è tutt’altro che utopia.  I primi a crederci sono i bookmaker, convinti che il giovane di San Candido, comune nella provincia autonoma di Bolzano, farà tanti altri step in avanti da qui a fine stagione. Sinner attualmente è il numero 23 della classifica mondiale e dista poco più di 1000 punti dal decimo giocatore del ranking, Matteo Berrettini. Da non escludere che Jannik possa avvicinarsi al traguardo senza raggiungerlo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Piero Bonito Oliva
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it