Paolo Del Brocco (Rai Cinema) ai giovani: “Alimentate i vostri sogni”

"Ci vuole studio, talento e un pizzico di fortuna"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I cinema restano chiusi, da più di un anno, tranne il breve periodo della scorsa estate che ha permesso la proiezione per qualche mese. Diregiovani.it ne ha parlato con Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema. Rai Cinema ha svolto un ruolo primario in questo periodo in cui siamo stati lontani dal cinema ‘in presenza’, avete portato il grande schermo nelle case, qual è stata la risposta del pubblico più giovane?

“I film sono fatti per la sala, abbiamo custodito gelosamente le pellicole più importanti perché pensiamo che l’esperienza del cinema non può essere riprodotta da nessuna piattaforma. Nessun device può dare quel sentimento collettivo, quell’emozione che vive lo spettatore in una sala buia, in un ambiente sicuro e protetto dove quasi dimentica per due ore la sua vita, completamente coinvolto in una storia, in un’emozione, in un racconto”.

Avete notato un’inversione di tendenza nell’umore dei ragazzi? È aumentata la voglia di leggerezza per distrarsi dalla realtà o, al contrario, vogliono vedere proiettate le loro paure? Sarà un caso che nessun film o nessuna serie riporti i simboli della pandemia, niente mascherine e niente divieti?

“C’è il desiderio che tutto questo finisca prima o poi, non ci vogliamo più pensare. Secondo me è aumentata la voglia di leggerezza. Ma soprattutto è aumentata, ma già c’era, quella voglia di storie, storie forti. Di sentimenti e storie che suscitino passioni, riflessioni e ogni tipo di emozione: dalla più romantica alla più drammatica”.

Tutto questo dal lato dello spettatore, ma andiamo dietro le quinte. Come si possono convincere i giovani attori, quelli ancora emergenti, i giovani filmaker, e tutti quelli che sognavano di far parte di questo mondo a non arrendersi? “La passione li deve fare resistere quindi devono alimentare i loro sogni. Come? Iniziate a fare cortometraggi. Ci vuole studio, talento e un pizzico di fortuna”.

Paolo del Brocco farà parte della giuria della terza edizione del contest ‘La realtà non esiste’ che quest’anno ha come tema ‘Il digitale tra minacce e opportunità’. One More Pictures, in collaborazione con Rai Cinema, ha ideato questa sfida per dare a tutti i giovani filmakers l’opportunità di vedere la propria sceneggiatura svilupparsi in un cortometraggio. “Trovate storie che colpiscano la pancia, che suscitino emozioni”, è il consiglio di Del Brocco.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it