Oggi è la giornata mondiale dell’arte. Emanuele Aloia live agli Uffizi

Il cantautore, appassionato di pittura, pubblica stanotte il suo primo disco, "Sindrome di Stendhal"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ha solo 22 anni ma è una vera e propria enciclopedia del mondo dell’arte. Emanuele Aloia è la nuova promessa del pop italiano. Lo dimostrano i risultati ottenuti in digitale: sono più di 92 milioni gli streaming e 68,5 milioni le views collezionate. Il segreto del suo successo? La capacità di cantare storie di vita quotidiana inserendo nei suoi testi riferimenti ai pittori più celebri. Van Gogh è il suo preferito.

È così che, sfogliando l’account Spotify dell’artista Torinese, troviamo pezzi come “L’urlo di Munch”, “Girasoli”, “Il bacio di Klimt” e “Notte Stellata”. Singoli che compongono la tracklist di “Sindrome di Stendhal”, il disco d’esordio di Emanuele, in uscita stanotte per Sony Music Italy.

Emanuele live agli Uffizi di Firenze

Una data scelta non a caso, che segue la giornata mondiale dell’arte, in programma oggi. Per l’occasione, Emanuele si è esibito – in diretta su TikTok- alla Galleria degli Uffizi, nella sala che accoglie la celeberrima “Nascita di Venere” di Botticelli.

Oltre all’esibizione, c’è stato un dialogo, sul tema dell’importanza dell’arte, tra il cantautore e il direttore del museo Eike Schmidt. “È stata un’occasione grandissima quella di poterlo incontrare e visitare gli Uffizi e cantare in questa location”. Un segnale importante quello di oggi in attesa che i musei possano accogliere nuovamente tanti visitatori.

Il disco, una delle novità più interessanti di quest’anno

“È un giorno che ricorderò per tutta la vita”, ha commentato Emanuele presentando “Sindrome di Stendhal” ai giornalisti questa mattina. “È un album molto vario, sia dal punto di vista concettuale, sia dal punto di vista sonoro. Ha tante contaminazioni”, ha detto Emanuele che ha scritto tutti i testi del progetto.

Un lavoro che si presenta come una delle novità più interessanti di quest’anno: per originalità dei testi e per il sound, attuale ma mai scontato.

Dodici le tracce scritte nell’ultimo anno e mezzo, tranne che per “Ipocrisia” e “Buongiorno principessa”, nate 4 anni fa ma riprese e riarrangiate. Filo conduttore di tutti i pezzi sono le citazioni all’arte, una passione che “c’è da sempre” e che finora ha portato fortuna!

La tracklist

Notte Stellata

Mi stai già perdendo

Ipocrisia

La Monna Lisa

Schopenhauer

Il bacio di Klimt

Buongiorno Principessa

L’urlo di Munch

Quando ti ha inventata

Girasoli

La Sindrome di Stendhal

Romeo e Giulietta

Pollicino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it