Su Google Earth gli ultimi 40 anni della Terra: ecco com’è cambiata

Con la nuova funzione timelapse è possibile visitare il nostro pianeta viaggiando indietro nel tempo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Un vero e proprio viaggio nel tempo per vedere come si presentava la Terra 36 anni fa. A renderlo finalmente possibile è la nuova funzione Timelapse di Google Earth, che ci permette di vedere come le diverse zone del nostro pianeta si siano modificate nel corso del tempo anche a causa dei cambiamenti climatici o per interventi diretti dell’uomo come la deforestazione e lo sviluppo urbano.

La novità introdotta da Big G arriva a ridosso della Giornata mondiale della Terra, prevista il prossimo 22 aprile. Per aggiungere immagini animate in Timelapse a Google Earth, sono state raccolte più di 24 milioni di immagini satellitari del periodo compreso tra il 1984 e il 2020. Questo fa della nuova funzione, la rappresentazione video del nostro pianeta più ampia mai creata. Il tutto è stato reso possibile grazie al contributo della NASA , del programma Landsat dello United States Geological Survey e del programma Copernicus dell’Unione Europea con i satelliti Sentinel.

Per vedere Timelapse su Google Earth basta cliccare su g.co/Timelapse e usare la barra di ricerca per selezionare qualsiasi luogo e osservare lo scorrere del tempo. Oppure andare su Google Earth e cliccare sull’icona a forma di timone per trovare Timelapse  sulla piattaforma di narrazione, Voyager, dove sono presenti tour guidati e interattivi. Su g.co/TimelapseVideos inoltre, sono caricati più di 800 video in time-lapse sia in 2D che 3D: in questo modo si potranno selezionare i video scegliendo tra un formato MP4 o guardandolo su YouTube.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it