Scena Unita supera i 4 milioni di euro. Fedez: “Una folle avventura partita da un gruppo Whatsapp”

Il fondo creato dal rapper e a cui hanno aderito altri 100 artisti punta ad aiutare i lavoratori dello spettacolo senza lavoro da un anno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un’impresa grandissima quella di ‘Scena Unita – per i lavoratori della musica e dello spettacolo’, il fondo creato per sostenere tutte le professionalità del mondo dell’intrattenimento, in difficoltà dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Nata da un’idea di Fedez e dalla collaborazione di oltre 100  artisti del panorama nazionale, la raccolta supera i 4 milioni di euro.

È lo stesso Fedez ad aggiornare i suoi followers sullo stato dell’iniziativa. E lo scrive orgoglioso sui social il rapper, parlando di un gesto che ha permesso di aiutare un settore che conta oltre 300mila persone in tutto il Paese, rimaste senza impiego per la mancanza di eventi dal vivo. “Ad oggi- continua Federico Lucia- oltre 1milione e 800mila euro sono stati distribuiti per aiutare lavoratori e imprese in difficoltà”.

Gli artisti

“Una folle avventura”, l’ha definita Fedez raccontando di come Scena Unita sia nata in modo assolutamente anticonvenzionale: da “un gruppo Whatsapp” con nomi del calibro di Shade, Calcutta, Dargen D’Amico e Achille Lauro.

Tra gli artisti che si sono uniti, poi, Mr.Rain, Gemitaiz, Alessandra Amoroso, Diodato, Carl Brave, Brunori Sas, Fabrizio Moro, Coez, Colapesce, Gaia, Emma Marrone, Tommaso Paradiso, Pinguini Tattici Nucleari, Levante, Beba, MYSS KETA, Federica Carta, J-Ax, Mahmood, Madame, Il Volo, Tiziano Ferro e Michele Bravi. Impossibile nominarli tutti.

Gli aiuti

Un supporto concreto che è stato pensato per fornire per il 50% aiuti diretti ai lavoratori, per il 25% sostegno ad attività formative e per il restante 25% investimenti in progetti per far ripartire il settore con nuove occasioni di lavoro. A tal proposito, Fedez conclude: “Nei prossimi mesi ci impegneremo nella sfida più grande, aiutare aziende e lavoratori mettendo a disposizione finanziamenti a fondo perduto”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it