Felicissima sera, Pio e Amedeo: “Basta moralismi: in tv si può dire neg**”

Le dichiarazioni shock della coppia dei comici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Successo senza freni per Felicissima sera, lo show con protagonisti Pio e Amedeo, la coppia di comici pugliesi che sa come dividere il pubblico per la sua dissacrante e tagliente satira. In queste ore, infatti, gli “Emigratis” hanno lanciato al quotidiano ‘Libero’ alcune anticipazioni su ciò che accadrà questa sera nella puntata finale del loro programma. Ma è subito polemica sui social. La missione di questa sera di Pio e Amedeo, come ha dichiarato il duo, è di porre fine ai moralismi e in televisione elencando una serie di parole che non vengono dette sul piccolo schermo per non turbare la sensibilità degli spettatori. Siamo andati dritti e ora ci schiantiamo definitivamente. Elencheremo tutte le parole che non si possono più dire in tv, quelle bandite: ‘neg**’, ‘fro***’, tutte. E sai perché? Perché la cattiveria non è mai nella lingua, ma nelle intenzioni. Se dici a un tuo amico “ué neg**, andiamo a mangiare?” non lo offendi, se gli dici “nero di me***!” sì”. E ancora: “se dici ‘sei tirchio come un ebreo’ ti massacrano ma se lo dici a un genovese la gente si mette a ridere? Difendiamo anche i genovesi allora”. Secondo la coppiabisogna sempre alzare l’asticella. Il principio è che si può dire tutto se il pensiero è “ragionato”. È la “bastardaggine” che va condannata. E comunque è l’ultima puntata, alla peggio finiamo col botto”Molti utenti della rete, però, credono che i moralismi siano ben diverse dalle offese. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it