‘Rock’n’Soul’. Quello che non sapevate su dieci grandi star della musica

Da Nick Cave a George Harrison, da Joni Mitchell a Patti Smith. In un libro Noemi Serracini racconta i songwriter tra musica e spiritualità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – Di certi artisti e certa musica si pensa sia stato detto molto e a volte, forse, anche troppo. Se sotto i riflettori poi ci sono le star di un tempo che fu, ossia ante-web e ante-social, il capitolo diventa immenso.
Tra mito e leggende la letteratura musicale è vissuta e sopravvissuta tramandandoci il verbo. Ma oggi sono sempre meno le indagini di critica e ricerca, e le nuove generazioni sono portate a confrontarsi per lo più con il ‘qui e ora’. 
Bene ma non benissimo viene da dire, perché ‘viaggiare’ a ritroso aiuta a capire, crea basi e fondamenta per una memoria necessaria, senza tralasciare il fattore ispirazione, quello più bello che arricchisce e rende forti.

A colmare un vuoto, in tempi semi bui, sono la voce e la penna di Noemi Serracini che dal 13 maggio arriva in libreria con Rock’n’Soul, storie di Musica e Spiritualità (Arcana Edizioni)

Artwork Claudia Intino aka Gubrin

Dieci capitoli (più una Bonus track) da leggere e ascoltare, in cui l’autrice mette insieme George Harrison, Leonard Cohen, Joni Mitchell, Patti Smith, Bob Dylan, Tori Amos, Yusuf / Cat Stevens, Sinéad O’Connor, Nick Cave, PJ Harvey e Matthew Malley.
Dei grandi di cui forse la generazione Z sa poco o niente, un regalo e un’opportunità per entrare nelle vite di dieci star, segnate da traumi, crisi profonde e aspirazioni.

Per ognuno dei dieci protagonisti l’arte è una possibilità per ricongiungersi con sé stessi, una finestra sulla propria anima.

Così pagina dopo pagina Rock’n’Soul è un tuffo in un’epoca, una fotografia di un mondo tanto affascinante quanto compulsivo e vorticoso. Ed è lì che arriva Noemi Serracini: dove tutto sembra consumarsi e dove ‘la spiritualità’ aiuta a ritrovare il senso perduto delle cose.
Tra retroscena, amori, equilibri precari tra membri delle band, tournée e viaggi intorno al mondo, i dieci artisti si sono ‘elevati’ grazie a uno spazio interiore. Ognuno di loro è approdato a una dimensione mistica e spirituale che si è poi tradotta in versi e note. Canzoni che hanno segnato un’epoca e che oggi l’autrice mette nero su bianco, svelando quanto certi percorsi spirituali abbiano influito sui processi creativi.

Rock’n’Soul: le domande da farsi

Ma c’è di più, viaggiando tra brani e storia di vita vissuta, viene da chiedersi quale sia lo ‘spirito’ della musica di oggi e dove trovare storie contemporanee tanto avvincenti quanto quelle di questi 10 eroi, che hanno lasciato e stanno lasciando un’eredità preziosa in un universo sempre più complesso.

«L’autrice s’immerge nelle vite degli artisti di cui scrive, rivela una parte di sé e ce la consegna, in attesa che il lettore scopra le tracce del passaggio di qualcosa d’invisibile che qui, finalmente, diventa riconoscibile». Spiega bene Massimo Granieri nella prefazione

Rock’n’Soul la playlist da ascoltare

Ai dieci ritratti che Noemi Serracini dedica ai songwriter che con la musica cercano il senso profondo dell’esistenza si aggiunge una playlist su spotify. Un viaggio canzone per canzone che ha il sapore di una ‘guida alla lettura’. Così vi verrà voglia, forse, di ‘sentire’ e iniziare un percorso totalizzante di note, parole e sensazioni.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it