Pietro Turano è il nuovo portavoce del Gay Center

"Qui mi sono sentito ascoltato e ho imparato ad ascoltare"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Da oggi sarò portavoce di Gay Center, insieme ad Alessandra Rossi come coordinatrice di Gay Help Line“. Così Pietro Turano ha annunciato sui social la sua ‘nuova’ avventura nel Gay Center.

Attore e attivista, Pietro è pronto per questo importante incarico attraverso cui continuerà – con la passione che lo contraddistingue – la lotta per i diritti della comunità Lgbt e il contrasto all’odio. Chi combatte queste battaglie lo fa non solo per difendere la propria identità sessuale ma anche di rispetto, che viene prima del sesso, dell’orientamento sessuale, della forma fisica e della religione di ogni singola persona. 

La star di Skam Italia, in cui interpreta Filippo Sava, prende il testimone da Angela Infante e Fabrizio Marrazzo: “Mi hanno accolto come genitori dentro questa famiglia quando cercavo una comunità in cui riconoscermi, che mi hanno dato una casa in cui crescere. Qui mi sono sentito ascoltato e ho imparato ad ascoltare“, ha scritto in un lungo post su Facebook.

GUARDA QUI L’INTERVISTA A PIETRO TURANO ALL’INAUGURAZIONE DEL PRIMO MURALE IN ITALIA CON UN BACIO TRA DUE DONNE

Ho passato la mattinata a sfogliare foto su foto e rileggere decine di messaggi scambiati negli anni con tutte le persone che sono passate di qua e che hanno condiviso con me un pezzetto di strada – si legge ancora sul post – grazie a tutti e tutte voi. Soprattutto però ad Angela Infante e Fabrizio Marrazzo che mi hanno accolto come genitori dentro questa famiglia quando cercavo una comunità in cui riconoscermi, che mi hanno dato una casa in cui crescere. Qui mi sono sentito ascoltato e ho imparato ad ascoltare. Grazie a tutto Gay Center per la fiducia, chi conosce Fabrizio sa che responsabilità possa essere prendere il testimone da lui haha Sono felice e orgoglioso di tutte le cose fatte insieme in questi 9 anni, di tutte le litigate furiose e di tutti gli abbracci, le piazze, le battaglie. Non voglio dire troppe cose, solo… spero di essere all’altezza e di non dimenticare niente, nessun*, esserci sempre. Quando sono arrivato la sede era stata appena inaugurata, Gay Help Line era ancora piccolina, poi è nata la chat Speakly, poi RefugeLgbt la prima casa famiglia per giovani vittime di omotransfobia dimenticate dallo stato, oggi d’esempio per moltissime altre esperienze che stanno nascendo. Gruppi giovani, eventi, decine di progetti nelle scuole… quante cose fatte e quante ancora da fare. Cultura, Lotta, Relazione le parole che segno nel cuore per le numerose battaglie che ci aspettano. Ci vediamo in piazza sabato“.

Da oggi sarò portavoce di Gay Center, insieme ad Alessandra Rossi come coordinatrice di Gay Help Line.

Ho passato la…

Pubblicato da Pietro Turano su Mercoledì 12 maggio 2021

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it