On The Under Ground. La rivincita dei giovani per il recupero degli spazi urbani

Ragazze e ragazzi di quattro comuni della provincia di Pisa insieme per una performance mobile che punta a integrazione e riqualificazione

Roma – Si chiama On The Under Ground il progetto nato da oltre 50 tra artisti e attivisti di quattro comuni della provincia di Pisa e destinato al recupero di spazi di aree industriali e al rilancio nella comunità di temi come integrazione e lotta alle discriminazioni di genere.  On The Under Ground esordisce con una performance mobile, in calendario il 22 e 28 maggio, che percorrerà le strade dei quattro comuni del cosiddetto Comprensorio del cuoio.

I giovani del ‘Comprensorio del cuoio’

La zona negli anni Ottanta era il principale polo europeo per il settore conciario, capace di dare lavoro a migliaia di persone; oggi, toccata particolarmente dalla crisi, l’area cerca di far fronte alle difficoltà, che spesso accomunano le province, per rimanere competitiva nei confronti di comuni più grandi. I suoi giovani, invece di cercare l’arte e il successo nelle città maggiori vogliono sentirsi parte integrante della comunità di origine. Le realtà giovanili, tutt’altro che sopite, rivendicano un ruolo di prim’ordine nello sviluppo del territorio e della cultura. Sotto questa “bandiera” è nato, durante il periodo pandemico, il progetto On The Under Ground.

On The Under Ground. Ecco i due appuntamenti

Si parte con la Carovana del 22 maggio per proseguire con l’incontro in live streaming del 28 maggio con Claudia Losi e Federica Rocchi, madrine del progetto. I due appuntamenti sono solo “il primo nodo di una rete in crescita”.

LA CAROVANA

Durante tutta la giornata del 22 maggio, a partire dalle ore 9:00 fino alle 20:00, su di un truck, una carovana di artisti attraverserà i quattro comuni del pisano – San Miniato, Montopoli Valdarno, Castelfranco di Sotto e Santa Croce Sull’Arno – con concerti, performance e azioni di street art. L’evento avrà le caratteristiche di un happening: il comune cittadino diventerà spettatore. La manifestazione sarà trasmessa su diverse piattaforme e sarà ripresa dal regista Alessio Nencioni, al fine di produrre un documentario.

Claudia Losi, artista internazionale che incentra il suo lavoro sulle relazioni tra l’individuo e la comunità, direttrice artistica del Festival Sette Giorni per Paesaggi, e Federica Rocchi, curatrice di performing arts e pratiche di rigenerazione urbana, direttrice artistica del Collettivo Amigdala-Periferico Festival, saranno le madrine d’eccezione dell’appuntamento.

Tra i performer si esibiranno i ballerini acrobatici della Spin Kids Accademy di San Miniato, apparsi recentemente a Italia’s Got Talent. E poi Vanessa Davini e Kendra e Leonardo. Gruppi musicali e rapper si sono invece uniti per comporre un EP, tra loro Dirty Blade, Teste di Cuoio e Synr Chase, Napraja, Holy Tuna, Ocho Quang e Tosmo, Pink Plaza, White Alien e Chill G, Rachele Palumbo, Casastrada, Scardo e Kane.  Un insieme di sonorità e testi Punk e Metal, Rap ed Elettronica,  combinati con il Pop e la Trap, in un potente sconfinamento di generi.

Tra i writers e gli street artist figurano Muz, Olio e Waldon. Poster e installazioni dialogheranno con il territorio in un’azione diffusa. Il lavoro degli artisti convergerà in un Murale realizzato a sei mani che verrà svelato durante la tappa finale.

La giornata sarà trasmessa in streaming sui profili YouTube, Twitch, Facebook e Instagram di Tra I Binari e On The Under Ground.

IL TALK

Il pomeriggio del 28 maggio, alle ore 21:00, sulle pagine Facebook di Tra i Binari e On The Under Ground e sul canale You Tube di Tra i Binari, si terrà un incontro streaming che avrà come focus il vivere e far vivere lo spazio urbano, le comunità, le città e i luoghi attraverso l’arte. Un confronto tra diverse generazioni di artisti volto a indagare simili esperienze nazionali ed internazionali.

Ospiti dell’appuntamento l’artista Claudia Losi e Federica Rocchi, curatrice di performing arts e pratiche di rigenerazione urbana.

2021-05-21T13:28:14+02:00