Nella Nazionale Cantanti c’è chi si schiera contro Aurora: “Bufala per avere più follower”

Uno storico membro della squadra in un un'intervista punta il dito contro i The Jackal

MILANO – “Questa è tutta una bufala per avere più follower”. Ci sarebbe una voce fuori dal coro di solidarietà nei confronti di Aurora Leone, componente dei The Jackal allontanata dal tavolo dei calciatori della Nazionale Cantanti nella serata di gala perché donna. 

LEGGI QUI PER APPROFONDIRE: Il monito dei The Jackal sul caso Aurora  

Si tratta di Sandro Giacobbe, musicista e storico membro della Nazionale italiana Cantanti, che si occupa attivamente dell’organizzazione degli eventi dell’associazione. Il magazine lifestyle AM Network riporta dichiarazioni forti in un’intervista dai toni duri, in cui non risparmia aspre critiche: “Questa persona (Aurora), con il suo amico (Ciro) sono stati fatti arrivare il giorno prima perché distanti (venivano da Napoli) e quindi per alleggerire la trasferta. Loro tra l’altro giocavano nella squadra della Ricerca, però si sono seduti al tavolo della Nazionale Cantanti, per cui gentilmente gli è stato fatto notare che quel tavolo non era il loro e sono stati fatti accomodare all’altro tavolo. Si sono seduti e hanno mangiato”, ha illustrato al telefono. 

“Poi, probabilmente in quella situazione qualcuno ha pensato di cavalcare l’onda per far scoppiare un po’ di rumore mediatico”, prosegue Giacobbe nel racconto della cena. E ribadisce che: “loro hanno la forza dei follower e stanno facendo un gran tam tam, ma noi abbiamo la nostra storia, con tutte le persone che hanno partecipato, con tutte le donazioni e le persone che abbiamo aiutato”, sottolineando infine, che “è solo una polemica che finirà presto, ma sono certo che farà qualche ferito soprattutto fra chi l’ha provocata”. Sandro Giacobbe conclude l’intervista su momwag con un’amara constatazione: “Stasera doveva essere la festa dei nostri 40 anni e dei 100 milioni di euro donati in tutto questo tempo e davvero non ci voleva. Io come artista, calciatore e appartenente a questa associazione mi sento davvero offeso. Per una stupidaggine non si può far scoppiare un caso del genere”. 

2021-05-25T18:04:11+02:00