Ghali con Liberato e J Lord, sulle piattaforme arriva “Chiagne ancora”

Ascolta l'audio del singolo e leggi il testo

22 Giugno 2021

ROMA – Ghali è tornato a sorpresa e con una collaborazione inaspettata. È su tutte le piattaforme “Chiagne ancora”, il brano che il rapper ha registrato con Liberato e J Lord. I tre artisti avevano lanciato qualche indizio sui loro profili social ma senza anticipare nulla ufficialmente. La canzone è arrivata, poi, su tutte le piattaforme alla mezzanotte di martedì.

“Questo brano nasce sul divano di casa di Ava- racconta Ghali- avevamo una strofa quasi freestyle che non sapevamo come proseguire. Quando ho chiuso gli occhi mi sono immaginato una voce: J Lord, artista napoletano che avevo scoperto da un po’. Abbiamo lavorato il brano da grandi artisti, incontrandoci e limando più volte le strofe come se fosse un pezzo di design. Sentito il ritornello mi sono immaginato subito la voce di Liberato artista che stimo moltissimo; mi suggestionava questo allineamento dei pianeti fra Baggio e Napoli. Questo pezzo ha avuto una genesi da laboratorio, molto artigianale e collaborativo, è sicuramente un modus operandi che utilizzerò anche in futuro”.

Ecco di seguito l’audio del pezzo ↓

Il testo

Lei sa che sono il king del quartiere
Sa che ho delle hit in cantiere
Non c’entro con i vip che tu hai in tele
Mi trovi in playlist dal barbiere
Ancora fumo marijuana
Sempre sognando Copacabana
Lego la bici con la tua collana
Uso il tuo outfit come pigiama
Fammi fare un tiro in mano tua, mama
Goditi il panorama, baby, no drama
Chiuso in casa, il tuo palazzo sembra il Niagara
Risparmia le tue lacrime ?
La luna è piena, lupi fuori tana
Lo snitch infama, non voglio fare haram
Non vola più una mosca dopo il click-clack

Mo che faje si nun me truove?
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
‘A nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora

Tengo ‘a mente lucida dint’a ll’affare, saje
Nu bastardo comme me nun s’annamora maje
Stanno cadendo ‘e munizione ‘a dint’ê jeans
Pienze si vedesse ‘a faccia mia ‘ncopp’ê riviste
Che pensasse ‘e me?
So’ passato da down a sta ‘int’ô top
Nu tipo comme ‘o boyfriend tujo a me nn’me tocca
Comme ‘e criminale ‘ncapa mettimmo ‘o do rag
Faccio nu squillo â gang, avviso ca addu me sta ‘a festa
Prendi la pesa, l’anima pesa
Minchia se pesa non mi è ancora scesa
Ho ancora la scena nella caveza
Ci aiutava la chiesa, ce purtavano ‘a spesa
Nn’era facile, mo tutte cose è facile
Conto chisti money mmano, girano automatiche
Lloro songo brave, assettate fanno l’applauso
Je po chino ‘e sangue stongo ascenno dâ Savana
Tengo na pelliccia ‘e lione, saje ca l’aggio ammazzato
Je so’ sempe chillo ‘e primma, saje ca nun so’ cagnato
Bevo vino ‘int’a nu calice ?
‘O ssaje ca po attuorno a mme ce vide sulo ‘a squadra

Mo che faje?
Nun ce stive tu, m’arricettaje
Senza ‘a voce toja m’accapputtaje
Ammò, l’aggio fatto pe’tté
E t”o giuro, nun me pento
Te voglio ancora

Mo che faje si nun me truove?
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
‘A te nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora
Mo che faje si nun me truove?
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
Cu’tté nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora (Ne voglio ancora)

2021-06-23T12:23:10+02:00