Sono una ragazza molto ansiosa che tende a somatizzare…

Buongiorno,
Vi contatto per la prima volta ma da qualche mese seguo quotidianamente il vostro sito e leggo con grande interesse le vostre risposte che spesso mi hanno tranquillizzata. Premetto che, come molti vostri utenti, sono una ragazza molto ansiosa che tende a somatizzare spesso i “pensieri negativi” che abitano costantemente la mia testa. Il mio ciclo è sempre stato molto irregolare, non ho mai assunto la pillola e dopo un periodo di rapporti non protetti (con coito interrotto), a seguito di un bello spavento, episodio dal quale credo derivi la maggior parte della mia ansia attuale, siamo passati alla protezione con preservativo (con eiaculazione sempre e comunque esterna). Sono terrorizzata dalla possibilità di rimanere incinta e, complice la mia ansia, mi faccio sempre prendere dal panico e a volte mi capita di sentire sintomi che forse vengono solo dal mio cervello. A tale proposito, da un paio di giorni ho un senso costante di nausea che peggiora notevolmente la mia ansia (e viceversa, un circolo vizioso senza fine!), mi agito spesso prima di avere un rapporto e questo purtroppo influenza anche il mio compagno. Abbiamo avuto un rapporto protetto (con eiaculazione comunque esterna) il 22 maggio, il 24 mi è venuto il ciclo. Dopo quella data tutti i rapporti sono avvenuti senza penetrazione, complice anche la mia agitazione a riguardo.Se penso razionalmente ritengo non ci siano i presupposti per una gravidanza, dal momento che il rapporto con penetrazione è avvenuto in periodo non fertile e dal momento che due giorni dopo mi è venuto il ciclo. Negli ultimi mesi il mio ciclo si è assestato sui 30 giorni, quindi facendo affidamento sull’ultimo “andamento” , dovrebbe tornare tra circa una settimana (quindi un’ansia ancora più ingiustificata dato che non sono ancora in ritardo!).Questa nausea che sento può essere un sintomo legato al ciclo in arrivo, amplificato da tutta questa ansia? So che, ripeto, dovrei pensare razionalmente però forse una vostra rassicurazione potrà aiutarmi a farlo. Vi ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

Anonima


Cara Anonima
grazie per la fiducia che mostri riguardo alla nostra rubrica. Da quello che ci racconti non ci sembra ci siano elementi che facciano presupporre un rischio, come tu stessa sottolineavi il rapporto protetto è avvenuto in un periodo non fertile, non essendoci alcuna eiaculazione i rischi sono ridotti al minimo. La nausea potrebbe essere legata ad un fattore psicosomatico di agitazione e tensione. Da quello che ci racconti ribadiamo che non vi sono rischi significativi. 

Un caro saluto!

 

 

 

 

2021-07-14T18:07:56+02:00