All’istituto Rosselli di Aprilia studenti-attori raccontano la pandemia

Il progetto realizzato dall’Istituto di Ortofonologia di Roma

APRILIA – Liberi di uscire, di riabbracciarsi. Liberi di esprimere sé stessi con le parole, liberi di vedersi finalmente negli occhi. ‘Liberi tutti’ è il titolo che gli allievi del corso di teatro dell’istituto ‘Carlo e Nello Rosselli” di Aprilia hanno voluto dare al video finale del loro progetto, realizzato completamente a distanza. Un insieme di brani recitati dagli studenti e in alcuni casi anche scritti da loro. Realizzato dall’Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO), il corso di teatro ha permesso a tutti gli allievi di aprirsi, vincere la timidezza ed esprimere le loro emozioni.

Irene ha recitato ‘Vivi la vita’ di Charlie Chaplin, Alessia la poesia d’amore ‘Lo troveremo sì, il nostro bacio’ di Pedro Salinas, mentre Uwa Ekhator ha invitato tutti a “togliersi la maschera”, come scriveva Montale. Ma molti studenti e studentesse hanno scelto di cimentarsi in prima persona con il testo teatrale: Mirco lo ha fatto con una ‘lettera di uno studente in Dad’; Sara con una provocazione ai complottisti e negazionisti del Covid. Veronica, invece, si è rivolta agli adulti, gridando la rabbia degli adolescenti inascoltati, mentre Sabrina ha scelto come interlocutore proprio il virus. “Non ci fai più paura- recita il suo testo- l’anno scorso ci hai presi alla sprovvista, ma noi abbiamo la speranza, la solidarietà. E con questo ti sconfiggeremo”. 

2021-07-12T15:56:20+02:00