RECENSIONE| Sognando a New York, quando i sogni abbattono qualsiasi difficoltà

Il film debutta il 22 luglio al cinema con Warner Bros. Pictures

Dopo l’enorme successo sul palcoscenico di Broadway il 22 luglio arriva sul grande schermo, distribuito da Warner Bros. Pictures, Sognando a New York – In The Heights. Un inno ai sogni, alla passione e alla voglia di vita che muovono la nostra quotidianità e, sopra ogni cosa, abbattono qualsiasi difficoltà. Una celebrazione dello stare insieme (nonostante i vari problemi del quotidiano) e delle cose essenziali, come un venditore di granita che canta animando il quartiere. Potrebbe risultare a tratti un po’ kitch, un po’ troppo cantato, un po’ troppo tutto. Però è uno di quei film che ti fanno sentire a casa, che ti fanno sentire parte di qualcosa anche se la cultura che scorre nelle vene del quartiere è lontana dalla nostra. Questo film ha la capacità di farci sentire, attraverso l’immaginazione, l’odore di un ‘cafecito caliente’ di un bar all’angolo di una strada, di farci alzare dalla sedia e ballare, di farci (ri)scoprire i sogni che custodiamo e di farci cantare a squarciagola le meravigliose canzoni che accompagnano l’adattamento cinematografico del pluripremiato musical di Broadway (vincitore di quattro Tony Award) di Lin-Manuel Miranda (creatore di Hamilton), che ha lavorato alla sceneggiatura del film insieme a Quiara Alegría Hudes (anche autrice del libretto del musical). Inoltre, Miranda non può che non essere l’autore delle musiche e dei testi che spaziano vari generi musicali: dal rap al reggaeton e dalla salsa al pop. Dietro la macchina da presa, invece, Jon M Chu (regista di Crazy & Rich).  

LEGGI ANCHE: Sognando a New York, l’incontro virtuale con il cast tra sogni, senso di comunità e musica

Tra sogni, canzoni, esplosioni di colori, energia contagiosa, coreografie, amore e amicizia c’è il quartiere Washington Heights, una zona di New York dove si respira il profumo di un ‘cafecito caliente’ davanti alla fermata della metropolitana della 181 Strada e dove negli Anni 90 si è creata una comunità vibrante e compatta di cittadini latinos, ormai una famiglia…una bella famiglia allargata. Le strade del quartiere sono animate dalle storie di chi ci abita che si incrociano ed esplodono in un susseguirsi di emozioni. Al centro di tutto c’è Usnavi (interpretato da Anthony Ramos). Negli occhi ha il fuoco della passione, un cuore che batte al ritmo del suo più grande sogno: tornare un giorno nella Repubblica Domenicana e rimettere in piedi il chiringuito sulla spiaggia del compianto padre. Ma, nel frattempo, è il proprietario di una bodega, in cui si può comprare di tutto dagli snack ai biglietti della lotteria, e si occupa del cugino Sonny (interpretato da Gregory Diaz IV). Poi c’è la storia di Nina (interpretata da Leslie Grace): una ragazza tornata nel suo quartiere dopo aver fallito in un’università prestigiosa. Il papà Kevin Rosario (interpretato da Jimmy Smit) è il proprietario di una radio e ha investito molto sulla carriera della figlia. Ma, spesso, quello che vogliono i genitori non coincide con quello che desiderano i figli. Nel quartiere ci vive anche Vanessa (interpretata da Melissa Barrera) sogna di sfondare nel mondo della moda, ma nell’attesa che arrivi quel giorno si guadagna da vivere in un salone di bellezza guidato da Daniela (interpretata da Daphne Rubin-Vega). Usnavi è pazzo di Vanessa e lei è pazza di lui. Ultima ma non ultima Claudia (interpretata da Olga Merediz), la nonnina del quartiere anzi una seconda mamma per tutti. Lei è il pilastro di tutte le generazioni di ragazzi e ragazze speranzosi di un futuro non migliore ma che li possa portare a realizzare ciò che desiderano. E non si tratta di soldi ma di amore verso qualcosa o qualcuno. A rendere la storia più curiosa è un biglietto della lotteria vincente il cui possessore è misterioso. La vittoria stravolgerà la vita di uno di loro.

SOGNANDO A NEW YORK, IL TRAILER 

2021-07-22T13:10:52+02:00