Caso Dayane Mello, Nego Do Borel è scomparso: la polizia brasiliana avvia le ricerche

Le ricerche sono ancora in corso

La polizia brasiliana ha aperto un’indagine sulla scomparsa di Nego Do Borel, cantante ed ex concorrente del reality A Fazenda accusato di molestie e presunto stupro ai danni di Dayane Mello.
A sporgere denuncia la madre di Nego, Roseli Viana, che nella sera di lunedì scorso si è recata in un dipartimento di polizia di Rio de Janeiro preoccupata per il suo stato di salute. Secondo quanto emerso, avrebbe raccontato che il figlio è depresso e che avrebbe chiamato alcuni amici come “ultimo” saluto prima della scomparsa.
Da quanto si apprende, Nego sembra essere stato avvistato a Itacuruçá, sul litorale di Rio.

Il caso Dayane Mello

Dayane Mello sta partecipando al reality brasiliano A Fazenda 13 (conosciuto da noi come La Fattoria). La modella è stata vittima di ripetute molestie da parte di un concorrente, Nego Do Borel, perpetrate in più occasioni davanti alle telecamere, quando lei era poco lucida a causa dell’alcol.
Il concorrente è rimasto nel programma per poi essere successivamente espulso dopo un presunto stupro ai danni di Dayane.

La notte di venerdì 24 settembre, al termine di una festa in cui sono stati messi a disposizione alcolici, Dayane è finita nel letto di Nego Do Borel. Incosciente a causa dell’alcol, non ricorda cosa sia successo.
Solo dopo aver visionato le immagini di quanto accaduto, Record Tv ha preso la decisione di squalificare Nego Do Borel.
Dayane, intanto, resta all’interno di La Fazenda, ignara di cosa le sia accaduto e senza supporto psicologico. Non sono state date spiegazioni per la reale motivazione dell’espulsione di Nego, se non quella di aver violato il regolamento del reality.

Una volta all’esterno, Nego Do Borel ha utilizzato il suo profilo Instagram per difendersi.

In un lungo post, ha affermato di avere un carattere “esplosivo”, negando le accuse di violenza domestica rivolte contro di lui, prima di entrare nel reality, dalla sua ex fidanzata Duda Reis.
Poi l’argomento è passato a quanto accaduto ne La Fazenda.

Mi sono unito al reality show, ho incontrato Day, una persona meravigliosa, gentile, amichevole, abbiamo finito per essere coinvolti, piacerci, avere affinità e quello che è successo è successo. […]Voglio prima chiedere perdono a mia madre, che è una donna, mia nonna, le mie zie e tutte le donne che si sono sentite a disagio, perché non avevo cattive intenzioni in quel momento. Puoi vederlo nel filmato che quando lei mi dice di no, vado a dormire, non faccio nient’altro, non facciamo nient’altro. Non facciamo sesso. Non forzo niente, vado a dormire. Ho dormito accanto a qualcuno che era ubriaco. Volevo davvero stare con lei e lei con me. E non era da lì, c’era già una storia. […] Finirò per togliermi la vita, non sto fingendo. Sto parlando dal profondo del mio cuore. […] Sono stato etichettato come criminale, non ho mai derubato nessuno, non uccido, non rubo. Ci sono così tante persone che fanno cose cattive là fuori, voglio sapere cosa ho fatto per meritarmi così tanto odio. […] Non sono un santo, no. Sono un ragazzo esplosivo, intenso, impaziente a volte. Ho dei difetti, ma molte cose che sono state dette su di me non sono vere e sto lottando per dimostrare la mia innocenza. Aspettiamo che la polizia indaghi su tutto. Non so che altro fare, il mio cuore è spezzato. Ho lasciato un reality show, dove sono diventato amico, ero felice, ero me stesso. […] Questo è razzismo: è perché sono nero? Perché vengo dalla favela? Quello che mi stanno facendo è molto vile”.

2021-10-05T15:50:44+02:00