Sono davvero stanca di questa pandemia, sembra che non finisca mai…

Esperti,
sono davvero stanca di questa pandemia, sembra che non finisca mai e appena provi a respirare un pò ecco che numeri grafici allerte prendono il sopravvento. Ho notato che sanguino spesso dal naso, è diventato ormai un chiaro segnale quando sono agitata. Ho smesso di andare all’università, ho paura, paura di prendere il virus, paura di nn saper più socializzare ma forse è solo voglia di rimanere nella mia bolla. Il mio ragazzo ormai è diventato fatalista e vuole riprendere a vivere al massimo e io per lui forse sono diventata un peso. Non so più che fare. Forse è vero mi sto un pò lasciando andare.

Clara, 24 anni


Cara Clara,
grazie per aver condiviso con noi una parte così profonda e sofferente. Hai colto una aspetto importante questa precarietà costante, come se non ci fosse più un luogo sociale e condiviso sicuro ma solo e soltanto le quattro mura di casa. L’isolamento, la distanza, la solitudine, non sono più parametrici spaziali ma sono diventati costrutti emotivi interiorizzati. Forse è un errore pensare che ci sia un ritorno alla normalità pregressa, ma bisogna pensare a nuovi modi di riprendere la propria vita e la propria progettualità. Bisogna rispettare le misure di sicurezza ma anche modulare l’allarme di rischio dentro di noi e trovare un punto di flessibilità. 
La paura è un segnale di allarme che ci avverto di un pericolo e arriva il corpo a stare più attento, ma non deve essere una prigione. Hai connesso queste perdite di sangue dal naso con uno stato di ansia importante, hai modo di raccontare a qualcuno quello che provi in totale libertà senza sentirti giudicata?
Perchè a volte tenere tutto dentro è proprio faticoso e alza dei muri importanti. Non sei un peso per gli altri, nè per il tuo ragazzo, è un momento molto delicato e hai bisogno di un supporto, hai bisogno di qualcuno che ti abbracci senza se e senza ma e ti faccia rivedere la fiducia e la voglia di tornare a progettare.
Parla con lui a cuore aperto, uscite dalla dinamica del covid, magari è un momento di confronto sulla vostra coppia e sui vostri bisogni importante e costruttivo.
Potresti anche vedere se nella tua università c’è uno sportello di ascolto psicologico, a volte parlare tirare fuori le parole e le emozioni proprio come il fluire del sangue aiuta a sentirsi più liberi.
Non esitare a contattarci qualora ne sentissi il bisogno.
Un caro saluto!

2022-01-24T12:49:52+01:00