regione lazio

Scuola, Smeriglio: “Con nuovo piano aumenta offerta formativa del Lazio

Roma – Arricchimento dell’offerta formativa, sviluppo di sinergie tra territori e valorizzazione didattica del patrimonio culturale strategico delle province del Lazio. Su questi binari si muove il nuovo piano di dimensionamento scolastico della Regione Lazio.

“Un piano che va ad accrescere sensibilmente l’offerta formativa nella nostra regione, coniugando esigenze didattiche e peculiarità delle province del Lazio con l’obiettivo di creare opportunità di sviluppo economico per i territori e di arricchimento formativo finalizzate al lavoro per i ragazzi. Inoltre l’introduzione dei CPIA (Centri provinciali per l’istruzione degli adulti) segna un ulteriore dimostrazione di attenzione per la formazione e l’istruzione degli adulti, all’insegna della conoscenza e dell’inclusione sociale. Anche quest’anno il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione tra amministrazioni regionali e provinciali, sindacati e Ufficio Scolastico Regionale e ha portato al risultato di un piano formativo più ricco rispetto all’anno precedente” dichiara il vicepresidente e assessore alla Scuola della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio.

Nel dettaglio, a Roma, presso l’istituto Via Salvini, Municipio Roma II, arriva il primo Liceo internazionale tedesco della regione. Altre novità riguardano l’attivazione degli indirizzi di meccanica meccatronica ed energia (istituto Cattaneo, Municipio Roma I); scienze applicate (istituto Isacco Newton, Municipio Roma I); Istituto tecnico – settore tecnologico – indirizzo sistema moda (istituto Via Asmara, Municipio Roma II); scenografia e grafica (istituto Roma 2, Municipio Roma IV e sede distaccata Cave); agraria (istituto Emilio Sereni – sez. carceraria di Rebibbia, Municipio Roma VI); produzioni tessili-sartoriali (istituto via Acireale, Municipio Roma VIII); biotecnologie (istituto Hertz, Municipio Roma VII e istituto Pascal, Municipio Roma XV); scenografia (istituto Caravaggio, Municipio Roma VIII); relazioni internazionali (istituto Carlo Emery, Municipio Roma XV).

In Provincia di Roma, tra gli altri, vengono attivati gli indirizzi amministrazione, finanza e marketing (istituto viale Adige, Civitavecchia); l’opzione economico sociale (istituto Isabella d’Este, Tivoli); Liceo internazionale inglese (istituto Volterra, Ciampino). In Provincia di Frosinone, tra le principali novità, l’attivazione del Liceo linguistico presso il Liceo scientifico di Fiuggi (IIS Dante Alighieri di Anagni) e dell’indirizzo servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera presso l’IIS San Benedetto di Cassino). A Latina, vengono attivati l’indirizzo sistema moda presso l’ITC Vittorio Veneto Salvemini e l’opzione manutenzione dei mezzi di trasporto presso l’IIS Einaudi Mattei, mentre a Sezze viene attivato l’Istituto professionale indirizzo servizi per l’enogastronomia e ospitalità alberghiera presso l’IIS Pacifici De Magistris. A Rieti è prevista l’attivazione dell’indirizzo servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale presso l’IIS L. di Saviola. Infine a Viterbo viene attivata l’articolazione relazioni internazionali per il marketing presso l’ITC Salvi, mentre a Civita Castellana arriva l’articolazione biotecnologie sanitarie presso l’IIS Midossi. Il piano prevede inoltre l’istituzione di 12 nuovi CPIA (Centri provinciali per l’istruzione degli adulti): 7 a Roma, 1 interprovinciale Roma-Viterbo, 1 interprovinciale Roma-Rieti, 1 a Frosinone, 2 a Latina). Inoltre nei CPIA di tutte le province confluiscono le sezioni di scuola carceraria, ognuna nel centro di riferimento territoriale.

Clicca qui per visualizzare il dettaglio dei nuovi indirizzi di studio/articolazioni/opzioni divisi per province