regione lazio

‘Donna forza 8’, illustrate le iniziative a favore delle imprese femminili

donna forza 8 regione lazioRoma – Il Lazio, con 136.731 aziende, e’ seconda tra le regioni italiane per l’imprenditoria femminile, e con quasi 95 mila societa’ Roma si aggiudica il primo posto. Per questo la Regione Lazio ha deciso di mettere in campo una serie di interventi a favore delle imprese femminili e per sostenere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Le iniziative sono state illustrate dagli assessori allo Sviluppo economico, Guido Fabiani, e al Lavoro, Lucia Valente, nel corso dell’evento ‘Donna Forza 8′ organizzato alla presenza della consigliera del presidente del Cdm in materia di Pari opportunita’, Giovanna Martelli. “Occuparci di Pari opportunita’ vuol dire costruire deinodi che tengono unite tutte le politiche- ha detto Martelli- E’ importante che i ministeri si accordino sulle attivita’ e Renzi, che ha la delega per questa materia, lo sta facendo”.

Fabiani ha illustrato la nuova edizione del bando ‘Innovazione Sostantivo Femminile’ che verra’ pubblicato ad aprile e che avra’ una dotazione di un milione di euro. Sara’ rivolto alle Pmi in cui le donne posseggano almeno il 51% ma potranno beneficiarne anche donne singole o un team costituito da donne al 100% che intendano dare vita a una startup nel Lazio. Per quel che riguarda i settori di attivita’ ammessi, i progetti
devono prevedere la realizzazione di nuovi prodotti o servizi tramite l’utilizzo di nuove tecnologie. “La prima edizione ha riscosso un grande successo, con 54 vincitori, tra imprese e associazioni, su 349 domande pervenute- ha spiegato Fabiani- Alla base di tutto questo c’e’ il tema del rilancio del tessuto produttivo del Paese”. Fabiani ha poi annunciato, a breve, la nascita negli uffici di Bic Lazio di uno ‘sportello Donna Forza 8′, dove una consulente specializzata fornira’ alle imprese femminili e alle donne informazioni sulle varie possibilita’ di finanziamento loro destinate, non solo regionali ma anche nazionali ed europee.

L’assessore Valente, invece, ha messo in evidenza l’importanza della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro. Alla Regione Lazio sono stati assegnati 1 milione e 290 mila euro delle risorse destinate alle Regioni. I fondi saranno distribuiti su tre linee di intervento: azioni per promuovere le pari opportunita’, sportelli donna per il welfare territoriale e iniziative sperimentali di modelli di lavoro organizzativi flessibili. “Dobbiamo rinforzare questi percorsi, dobbiamo rinforzare il tasso di natalita’- ha sottolineato Valente- che in Italia e’ basso e dobbiamo evitare che le donne si sentano sole”.