regione lazio

Il presidente Zingaretti e il vicepresidente Smeriglio illustrano la nuova legge sulla formazione a studenti

Roma – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e il vicepresidente, Massimiliano Smeriglio, hanno incontrato oggi, all’istituto comprensivo Elsa Morante, circa 300 tra ragazzi e docenti, illustrando loro la legge sul sistema educativo di istruzione e formazione professionale approvata dal Consiglio regionale lo scorso 1 aprile.

Tra le principali novita’ della riforma, l’introduzione del quarto anno per i corsi che non hanno indirizzi coerenti negli istituti professionali grazie a cui i ragazzi potranno ottenere la qualifica di quarto livello europeo; progetti personalizzati contro l’abbandono scolastico; novita’ sulla sottoscrizione delle convenzioni con gli organismi accreditati; introduzione degli indirizzi triennali della programmazione del sistema educativo regionale di istruzione e formazione professionale.

“Nel Lazio sono oltre diecimila i ragazzi che frequentano i corsi del sistema regionale di istruzione e formazione professionale- ha detto Smeriglio- grazie a questa legge finalmente la Regione riconosce pari dignita’ al sistema dell’istruzione superiore e a quello della istruzione e formazione professionale. Ringrazio il Consiglio per averla approvata perche’ finalmente ogni ragazzo potra’ scegliere il percorso piu” adeguato per lui ed esprimere il proprio talento”.

Le riforme nel Lazio vanno avanti: questa e’ una legge approvata ad aprile che cambia radicalmente il mondo della formazione professionale nella nostra regione”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “La legge prima di tutto introduce il concetto molto importante del pubblico convenzionato, che chiude una stagione di diatribe ideologiche e primi in Italia fonda un nuovo metodo di relazione con gli istituti accreditati- ha spiegato Zingaretti- Poi introduce il quarto anno, da’ centralita’ alla formazione professionale nel sistema formativo. E’ un altro segnale del Lazio che cambia, non con le pacche sulle spalle o con le chiacchiere, ma con le riforme che facciamo soprattutto in un momento economico nel quale il Lazio ha ripreso la via della crescita, quindi sta davvero cambiando tutto”. “Ieri la bella notizia sulla sanita’ e sullo sviluppo- ha concluso Zingaretti- oggi rilanciamo con studenti e docenti questo capitolo della scuola”.