regione lazio

Presentata la seconda edizione di “Torno subito”

zingarettiRoma – Mille studenti del Lazio, di eta’ tra i 18 e i 35 anni, partiranno per altre regioni d’Italia o all’estero per svolgere progetti formativi finanziati dalla Regione Lazio con 12 milioni di euro. E’ quanto prevede la seconda edizione di ‘Torno subito’, il progetto finanziato con le risorse del Fondo sociale europeo 2014-2020, che consente a laureati o laureandi di entrare nel mondo del lavoro. La Regione Lazio investira’ 96 milioni di euro fino al 2020 per sostenere circa 8 mila ragazzi.

“Oggi celebriamo una scommessa vinta- ha detto il presidente della Regione, Nicola Zingaretti- Possiamo dire che in Italia c’e’ la fuga di cervelli, ma c’e’ anche il ritorno dei cervelli e il 21 maggio, al Macro di Roma, faremo un grande evento dove i ragazzi che sono in partenza incontreranno quelli che sono tornati”. Nella prima edizione del 2014 sono stati presentati 800 progetti e ammessi a finanziamento 513. Il 52% ha scelto per la prima fase l’estero e il 48% un’altra citta’ Italiana. “Siamo contenti che nel Lazio finalmente si inizino a spendere bene i fondi europei- ha aggiunto Zingaretti- e siamo contenti che siano dedicati a giovani, affinche’ possanno entrare nel mondo del lavoro in maniera veloce e qualificata”. Il bando verra’ pubblicato sul sito di Lazioadisu il 7 maggio e restera’ aperto sessanta giorni.

“Le novita’ della seconda edizione sono diverse, alcune molto significative- ha sottolineato il vice presidente della Regione, Massimiliano Smeriglio- come l’apertura al mondo delle professioni cinematografiche, ma abbiamo anche avviato procedure e supporti economici per i ragazzi e le ragazze diversamente abili”. Smeriglio ha spiegato che “tra le altre opportunita’, non solo quella di svolgere le esperienze di tirocinio nelle altre regioni ma anche quella di fare formazione lunga: master dai 7 ai 12 mesi, era una richiesta che ci e’ arrivata durante la prima edizione e che abbiamo incardinato nella seconda”. Zingaretti in chiusura ha lanciato un appello alle imprese “a guardare al Lazio che offre politiche nuove. La stagione delle politiche vecchie di sostegno alle Pmi e’ finita. Ma avere al proprio interno un giovane con alle spalle una formazione di questo tipo e’ un’opportunita’ da non perdere”.