regione lazio

Svolto l’evento conclusivo del progetto per le scuole ‘Cinema&Storia’ e ‘Cinema&Societa’

Roma – Evento finale di due dei sei ‘progetti per le scuole’ della Regione Lazio. All’Auditorium Parco della Musica gli studenti di Roma e del Lazio hanno partecipato alla giornata conclusiva di ‘Cinema&Storia’ e ‘Cinema&Societa”. Iniziative promosse dalla regione Lazio in collaborazione con Roma Capitale e il sostegno della direzione generale cinema del Mibact.

Grazie al progetto – a cui hanno aderito 64 scuole, 113 classi e 2.150 studenti per quanto riguarda i film storici e 77 scuole, 142 classi, 2.700 studenti per ‘Cinema&Societa” – sono stati proiettati una serie di pellicole nelle scuole che raccontano la storia, la cultura e i costumi dell’Italia di questo e del secolo passato.

Oltre 50 proiezioni tra gennaio 2014 e aprile 2015 finalizzate all’incontro tra studenti, attori, registi e esponenti del mondo della cultura per confrontarsi sui film selezionati. Il progetto ha previsto anche un’apposita formazione dei docenti sulla storia del cinema e sul cinema concepito come strumento didattico. Durante l’evento conclusivo all’Auditorium, gli studenti si sono confrontati con Sabrina Ferilli che ha premiato alcuni loro progetti. L’attrice romana, durante un’intervista con il critico cinematografico Fabio Ferzetti, ha quindi ripercorso alcune fasi della sua carriera: dagli inizi ai tempi recenti con il successo de La Grande Bellezza e il suo rapporto con il regista Paolo Sorrentino (“con Garrone, il regista italiano che stimo di piu’ tra i ‘giovani'”) e ha fatto un parallelismo tra questa e la sua generazione, riflettendo su quanto sia difficile per i giovani di oggi fare le scelte giuste a causa della “pluralita’ e dell’eccessivita’ dell’informazione”.

“Abbiamo voluto tantissimo questo progetto, iniziato sette anni fa in Provincia e che continueremo a sostenere. È uno dei progetti piu’ belli che abbiamo nelle nostre scuole”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine dell’evento conclusivo all’Auditorium Parco della Musica, dei progetti ‘Cinema&Storia’ e ‘Cinema&Societa”. “Sono contento perche’ sta diventando un esempio italiano- ha aggiunto- tante Regioni lo stanno copiando. Riusciremo a esportare un modello positivo, che sta facendo diventare il Lazio un esempio per tutta Italia. Penso che questo progetto sia il cuore di quello che dovrebbe fare la scuola, non solo insegnare come si scrive ‘ha’ con l’acca o senza acca, ma aiutare le persone a capire cosa ci accade intorno”. Secondo Zingaretti, il cinema italiano “ci racconta le atmosfere e il perche’ alcune cose sono accadute o il perche’ la societa’ e lo Stato si sono comportati in un certo modo. Spero che questo progetto abbia aiutato voi studenti e docenti a diventare persone critiche, in grado di capire cio’ che succede intorno. Questo e’ un altro degli impegni che ci siamo presi, e che non cancelleremo mai, di aiuto e sostegno alla scuola pubblica italiana, che non solo non va colpita, ma va sostenuta e finanziata. A settembre- ha concluso- ripresenteremo tutto il ciclo dei percorsi formativi per i curricula extrascolastici, affinche’ si parli del Lazio come di un bel modello per far crescere una nuova generazione critica, ma soprattutto libera”.