regione lazio

Università Roma 3 e Officine delle arti Pier Paolo Pasolini premiano De Gregori, Giuliano e Mauri

premiazione (3)Roma – Tre riconoscimenti speciali al Teatro Palladium di Roma per tre artisti altrettanto speciali del mondo della musica, della cultura e delle arti cinematografiche. Nell’arena al centro della Garbatella, una delegazione dell’Universita’ Roma 3 ha premiato il cantautore Francesco De Gregori, il produttore Nicola Giuliano e l’attore Glauco Mauri. L’onorificenza, data in collaborazione con le Officine delle arti Pier Paolo Pasolini, e’ stata concepita prendendo in considerazione gli “alti meriti artistici e culturali e della rilevanza dell’impegno professionale delle tre personalita”.

A premiare gli artisti – davanti a una platea di allievi del laboratorio teatrale, musicale e multimediale – la presidente onoraria delle officine Pasolini, Franca Valeri che, ricordando il suo “appeal sui giovani”, si e’ detta “felice di essere a disposizione, nel trasferire loro il suo bagaglio artistico e culturale accumulato in una carriera lunga una vita”.  Ai giovani ha fatto riferimento De Gregori. Il cantautore romano sorridendo ha sottineato come a un certo punto della vita di un artista “inizino a darti premi, non si sa perche'”, tuttavia questo “e’ uno di quelli che si e’ orgogliosi e felici di ricevere”. Felice del riconoscimento anche l’attore Glauco Mauri, “perche’ non sono stato premiato io come persona ma e’ stata premiata la mia professionalita’ e il mio pensiero”. E ancora, rivolgendosi ai ragazzi, si e’ detto commosso di augurare loro “un buon viaggio nella strada della vita”. Un viaggio per cui non bisogna mai smettere di avere “fame, determinazione e anche rispetto per gli altri”, ha invece spiegato Nicola Giuliano, produttore di numerosi film tra cui la Grande Bellezza. Giuliano si e’ detto quindi felice di condividere il premio con artisti straordinari come De Gregori e Mauri.

“L’Officina Pasolini e’ una cosa straordinaria che sta accadendo a Roma grazie a una sinergia tra l’Università, la Regione e un gruppo di professionisti che stanno portando un contributo importantissimo a un quartiere popolare di Roma che parla alla citta’- ha detto il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio, presente alla premiazione- con la cultura si mangia e per questo si deve investire in processi culturali, sulla canzone, sul teatro. Non con una gestione burocratica della Regione, ma facendo decidere tutto a loro, ai professionisti. Noi lo sosteniamo ma il progetto dell’Officina Pasolini cammina da se’. Gia’ dal prossimo anno passeremo da corso annuale a corso biennale, per dare ancora piu’ possibilita’”.