campagna alcool

L’impatto dell’alcol sui giovani: la situazione nella regione Lazio

convegno-alcolRoma – Lo stile di vita di giovani ed adolescenti in Italia sta subendo numerosemodifiche negli ultimi decenni. In particolare si è andati incontro sia ad una alimentazione ipercalorica, ricca in grassi e povera in fibre, che ad un uso inadeguato di bevande alcoliche sia per quanto riguarda la quantità di etanolo che la modalità di assunzione dello stesso.

Nello specifico si è osservato un drammatico incremento di uso-abuso di bevande alcoliche nel fine settimana con modalità del binge drinking. Il dato è ancora più preoccupante se si considera che tale stile di vita interessa sia adolescenti nella fascia a rischio 14-19 anni che il sesso femminile. La prevalenza di uno stile di vita inadeguato e di un eccessivo uso di bevande alcoliche in giovani ed adolescenti risente di livello sociale, abitudini di vita e caratteristiche regionali.

La Fondazione Roma, da sempre attiva nel settore della Sanità e della Ricerca scientifica su più linee di intervento, dalla ricerca in campo medico a quella in ambito socio-economico, ha voluto sostenere lo studio della Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia (FIRE – Onlus) sull’impatto dell’alcol nei giovani Laziali. L’analisi è stata fatta su un campione di 2800 ragazzi iscritti ai Licei di Roma, Latina e Frosinone di età compresa tra i 14 ed i 19 anni, che hanno aderito all’iniziativa. Lo scopo dello studio è stato quello di analizzare lo stile di vita, le conoscenze sulla corretta alimentazione, l’assetto psicologico e il consumo di bevande alcoliche tramite questionari assolutamente anonimi. Durante l’evento  che si terrà il 14 luglio a Roma, saranno presentate le principali evidenze emerse dallo Studio e verrà analizzato l’impatto che l’abuso di alcol ha sui giovani. Gli stakeholders coinvolti, inoltre, individueranno delle proposte di prevenzione ed azione per limitare l’uso dell’alcol e diffondere una nuova cultura della salute e corretti stili di vita tra i giovani, che devono diventare protagonisti e responsabili della propria qualità di vita.