campagna alcool

Giovani e alcol: problema di salute e di legalità

Roma -“Il consumo di alcol per i giovani e’ un problema che riguarda la salute ma non solo. È anche una questione legata alla legalita’, cosi’ come e’ stato dimostrato oggi nei dati relativi alla regione Lazio. Ci sono ancora grandi problemi per quel che riguarda il controllo sulla vendita delle bevande ai minori”. Lo ha detto all’agenzia DIRE Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol, Cnesps e direttore del centro Oms per la ricerca e la promozione della salute sul alcol e problematiche correlate. “Per quanto riguarda il problema sanitario- ha aggiunto Scafato- e’ ovvio che l’alcol faccia male ai ragazzi fino ai 21 anni. È stato dimostrato che grosse quantita’ di alcol interferiscono nel rimodellamento cerebrale e quindi nello sviluppo razionale e cognitivo dell’individuo. Sarebbe necessario arrivare a una cultura condivisa in cui tutti gli adulti di riferimento- dalla famiglia, agli insegnati e ai medici- riescano a recuperare quella funzione di controllo sui consumi dei giovani. Solo cosi’ si riuscira’ a ridurre quell’impatto dell’alcol che lo vede ancora oggi come prima causa di mortalita’ tra i giovani”.