regione lazio

Costa Crociere assume 103 giovani grazie ai finanziamenti della Regione per la formazione

zingarettiRoma – “Oggi si conclude una bella storia: 103 nuovi assunti, tutti figli della Regione Lazio. Questo e’ il frutto di un modo di fare formazione che valorizza l’incontro tra luoghi di formazione e imprese”. Cosi’, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, commenta a margine della conferenza stampa, il risultato della partecipazione di Costa Crociere al bando ‘Formazione finalizzata ai lavoratori inoccupati e disoccupati’, ideato dalla regione Lazio per favorire la formazione di lavoratori con percorsi che portino all’assunzione.

“In un tempo in cui si parla molto di disoccupazione e precariato- prosegue Zingaretti-, avere 740 persone in percorsi di formazione per noi e’ molto importante. Costa, inoltre, ne e’ riuscita ad assumere 103, ovvero il 98% delle persone formate. una percentuale altissima, che va contro quella situazione che vede molte persone sole finito il ciclo formativo”.

“Questo- aggiunge il presidente della regione Lazio- ci spinge ad andare avanti su questa innovazione che abbiamo messo in campo: presto partiranno i bandi per altri 4 milioni di euro destinati alla formazione e alla creazione di nuovi posti di lavoro nel biennio 2015/16”. Durante la conferenza stampa, inoltre, Zingaretti lancia un appello alle imprese: “Complimenti a Costa Crociere perche’ ha colto quest’opportunita’. Purtroppo tante imprese non si accorgono di questo tipo di misure, perche’ si fa difficolta’ a capire che puo’ esistere un’istituzione in grado di fare progetti innovativi”.

“C’e’ una presenza importante di Costa Crociere nel Lazio, a Civitavecchia: noi investiamo su questo, e mettiamo a disposizione risorse pubbliche a sostegno della crescita, del lavoro e anche dell’impresa innovativa”. Cosi’, il vice presidente della Regione Lazio con delega alla Formazione, Massimiliano Smeriglio, commenta a margine della conferenza stampa. “È un fatto straordinario- prosegue Smeriglio- che Costa Crociere, azienda che punta molto sull’italianita’, riesca a crescere e a costruire meccanismi di controtendenza, nonostante evidenti difficolta’ geopolitche. Basti pensare che il mediterraneo ha perso scali importantissimi come Tunisi, l’Egitto ed Istanbul”. Il bando, ricorda Smeriglio in conferenza stampa, “e’ stato fatto nel 2013 quando, appena insediati, ci siamo resi conto che la regione Lazio stava perdendo 22 milioni di fondi europei. Siamo riusciti a recuperare delle risorse pubbliche e ad inserire in percorsi di formazione oltre 740 giovani, con un’importante ricaduta occupazionale. Per questo- conclude- e’ importante raccontare belle storie che dimostrano che le amministrazioni pubbliche possono persino funzionare bene”.