regione lazio

Dvd e risate per secondo step della campagna ‘IoAmoLaVita – alcol e droga non ti giocare il cervello’

presentazione campagnaRoma – Secondo step della campagna ‘IoAmoLaVita – alcol e droga non ti giocare il cervello’. Nella sede della Giunta regionale del Lazio, davanti a una platea di giovani studenti dei licei romani, il capogruppo della Lista civica Zingaretti in Consiglio regionale, Michele Baldi – promotore dell’evento – il presidente della fondazione Atena onlus, Giulio Maira e il comico Maurizio Battista, hanno spiegato gli effetti dell’abuso alcol e droga sul cervello. Per l’occasione sono stati distribuiti gratuitamente alle scuole della regione i dvd con la relazione scientifica sull’argomento del neuroscienziato Maira.

Questo, ha spiegato Baldi “e’ il secondo tempo di una partita fondamentale che dobbiamo assolutamente vincere”. Il focus della campagna e’ il cervello, “noi- prosegue Baldi- lo mostriamo, non dopo l’abuso, ma dopo il semplice uso di droga e alcol. Quello che succede lo facciamo vedere, poi sta ai ragazzi scegliere”. La piu’ grande soddisfazione, secondo il consigliere regionale “sono i ragazzi che dopo il primo incontro sono venuti da me e mi hanno detto di aver evitato tante situazioni spiacevoli. Questo per me vale piu’ di un posto da ministro”. Il dvd, ha concluso, “servira’ a veicolare tutto questo all’interno delle scuole, e a spiegare e illustrare le patologie provocate da droga e alcol”.

Patologie come, “picchi di ipertensione che portano ad emorragie cerebrali e infarti- ha sottolineato Maira- prima tipiche degli anziani ora riscontrabili anche nei giovani a causa delle droghe”. Una pasticca di ectstasy infatti “puo’ anche causare la morte”. Quindi dal neuroscenziato, un appello ai presenti: “Bevete l’alcol in modo normale, innamoratevi, fate cose sane. Giovani, usate il cervello anche quando vi divertite”. E un appello e’ arrivato anche da Battista, che ha chiesto ai ragazzi di non abusare non solo “di alcol e droga” ma anche “di sociale network. Tenete il cervello libero per voi, per la vostra famiglia, ma voi lo sapete perche’ sqapete tutto meglio di noi essendo piu’ vicini al problema”. Un testimonial d’eccezione quindi per questa campagna “importante a cui non ho potuto dire di no anche perche’ me lo ha chiesto io mio amico Baldi, e a lui non dico mai no”.