regione lazio

Il presidente Zingaretti in visita al FabLab di Bracciano

zingarettiRoma – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha visitato stamani la sede di Bracciano del FabLab regionale, incontrando la comunita’ di maker locali e le start up in fase di incubazione. L’attivita’ della struttura e’ incentrata sul settore dell’agrifood. Nella sede sono presenti la stampante 3Drag adatta anche per realizzazioni in cioccolato, i droni Phanton 1 e il Kit Irisi+, indicati per acquisizioni di foto e la sperimentazione applicata all’agricoltura.

Ad oggi esistono tre sedi del FabLab: Bracciano (agrifood), Roma Casilina (industria creativa) e Viterbo (industria culturale). Nella sede di Bracciano nascera’ un ‘Food Hub’ del Lazio attraverso l’apertura di una Casa dell’Agricoltura in collaborazione con l’universita’ della Tuscia e Arsial. Nelle prime tredici settimane di vita la sede di Bracciano e’ stata visitata da 301 visitatori: sono stati realizzati 12 corsi e 11 workshop, per un totale di 98 partecipanti e 11 progetti in corso di svolgimento.

“Questi Fab Lab sparsi nella nostra regione sono dei veri polmoni d’innovazione che uniscono i bisogni dei territori con la creativita’, l’ingegno e il talento di chi, avendo un’idea, si vuole mettere alla prova- ha detto Zingaretti- Qua si crea lavoro e lo si crea sul merito, si crea economia, e questa strategia di aggiungere ai Bic nuove funzioni, e presto anche qui aprira’ Porta Futuro, a mio giudizio e’ una strada vincente, perche’ abbiamo visto giovani, nuove imprese, sperimentazione di come si puo’ creare. E con i FabLab, laboratori di artigianato avanzato, grazie alle stampanti 3D, si da’ a tutti l’opportunita’ di provare un’idea. È una grande scommessa per produrre ricchezza, ma e’ soprattutto una grande scommessa per dsre a tutti le stesse opportunita’”. Zingaretti ha quindi ricordato che “il 6 apriremo ‘Spazio Attivo’ a Latina, che sara’ il primo di una serie di centri per promuovere lavoro, ricchezza, opportunita’ a tutti coloro che vogliono e che, forti delle loro idee, hanno il merito di avere fiducia dallo Stato. E questo e’ il Lazio innovatore su cui scommettiamo molto, soprattutto all’inizio della nuova programmazione europea, che mettera’ sull’innovazione molte risorse”.