regione lazio

Al Circo Massimo apre il villaggio di ‘Race for the Cure’

Roma – Al Circo Massimo parte la tre giorni dedicata alla prevenzione e cura dei tumori al seno, con visite mediche ed esami diagnostici gratuiti senza prenotazione, appuntamenti dedicati ad alimentazione, salute e benessere, corsi di fitness all”aria aperta, sportelli Asl aperti al pubblico.

E’ stato inaugurato questa mattina il villaggio di Race for the Cure, che sara’ aperto oggi e domani dalle 9 alle 20 e domenica fino alle 12. Al taglio del nastro hanno partecipato i tanti testimonial, tra cui Mariagrazia Cucinotta, Aurelio De Laurentis e Gabriele Muccino, l’assessore regionale al Lavoro e alle Pari opportunita’ Lucia Valente, e l’assessore capitolino alle Politiche Sociali, Laura Baldassarre.

“Nel villaggio offriremo a tantissime donne la possibilita’ di fare attivita’ come lezioni di sport, di fitness, sulla sana alimentazione, per imparare a prendersi cura della salute prima di ammalarsi- ha detto il presidente della associazione promotrice dell’evento, la Susan Komen Italia, Riccardo Masetti- l’invito e’ rivolto anche a donne che sono in difficolta’ o ai margini della societa’, che avranno la possibilita’ di venire ed effettuare gratuitamente gli esami di prevenzione. Abbiamo tantissimi specialisti che ci regalano un giorno del loro lavoro quindi queste donne possono venire qui, fare le visite mediche, fare esami come mammografia, ecografia mammaria, gli esami ginecologici, del cuore e quant’altro, proprio per sottolineare il messaggio che noi vogliamo aiutare chi e’ in difficolta’”. Durante tutto l’orario di apertura del villaggio si alterneranno una trentina di medici volontari del Policlinico Gemelli che effettueranno visite ed esami. Inoltre, presso lo stand della Regione Lazio saranno attivi gli sportelli delle Asl per permettere alle donne di prenotare prestazioni sanitarie.

“La Regione Lazio partecipa facendo sapere tutto cio’ che fa in termini di prevenzione e cura- ha detto l’assessore Valente – siamo una delle regioni piu’ avanti sotto questo punto di vista perche’ abbiamo a cuore la salute delle donne. Nello stand della Regione le donne potranno trovare un ufficio mobile dove prenotare visite ed entrare in un percorso di cura offerto dalla regione. Siamo qui- ha concluso- a testimoniare il valore di questa iniziativa, a sostenerla e a sostenere tutte le donne che vogliono venire qui per farsi visitare”. Valente ha anche annunciato che presso la sede di Testaccio di Porta Futuro, a Roma, l’8 giugno ci sara’ un convegno nel quale laboristi, medici, psicologi e donne che a vario titolo si occupano di tutela, prevenzione e cura del tumore al seno, si incontreranno per affrontare il tema dello stigma e delle discriminazioni che anche sul lavoro le donne affette da tumore spesso sono costrette a subire. “Noi vogliamo mettere a sistema tutte le attivita’ che possono essere fatte non solo per prevenire e curare ma anche per tutelare la donna nel posto di lavoro- ha detto Valente- riteniamo che il lavoro abbia un valore curativo e dobbiamo evitare tutte le discriminazioni che le donne possono subire a causa della malattia. L’8 giugno abbiamo organizzato un convegno per parlare e fare delle proposte”.