regione lazio

Al via ‘Blast’, la fiera dedicata all’innovazione digitale

Roma – Creare una vetrina internazionale alle start up romane, italiane ma anche estere in cinque specifici settori: Fintech, Artificial intelligence, Foodtech, Virtual reality, IoT&Industry 4.0.

Questo l’obiettivo di ‘Blast’, la manifestazione fieristica dedicata all’innovazione digitale organizzata presso la Fiera di Roma. Per la prima edizione, che si tiene da oggi fino al 12 maggio, sono oltre 100 le startup presenti, in rappresentanza di diversi Paesi del mondo come Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Portogallo, Zimbabwe, Camerun, Ucraina, Svezia e Belgio.

L’avvio della manifestazione questa mattina alla presenza dell’au di Fiera di Roma, Pietro Piccinetti, e degli assessori regionale e comunale alle Attivita’ produttive, rispettivamente, Guido Fabiani e Adriano Meloni. ‘Blast’ si autodefinisce il primo ‘Tech event internazionale indipendente in Italia’ e punta a colmare un vuoto nel panorama fieristico nazionale, diventando un punto di riferimento internazionale (la lingua ufficiale dei lavori e’ l’inglese) e fornendo un punto di incontro tra start up, aziende, investitori ed incubatori. E’  presente anche uno stand della Regione Lazio.

“La Regione- ha spiegato proprio Fabiani- nel quadro della sua politica di sostegno all’internazionalizzazione dell’ecosistema laziale delle start up, sostiene Blast ed e’ presente al suo interno con uno stand di 70 metri che ospita anche 18 startup laziali selezionate con una gara pubblica. Sta inoltre entrando in azione un fondo da 100 milioni. L’idea e’ quella di intervenire con un finanziamento cospicuo in diversi momenti della vita delle le start up: dalla nascita, al consolidamento e allo sviluppo. E quindi attrarre altri investimenti”.