Al via la seconda edizione di ‘Un brano contro le mafie’

Roma – Dopo il grande successo dello scorso anno, la Regione Lazio lancia la seconda edizione di ‘Un brano contro le mafie’, un concorso aperto alle scuole di ogni ordine e grado e ai gruppi musicali studenteschi della regione.

L’iniziativa, promossa dall’Osservatorio per la Sicurezza e Legalita’, Progetto Abc e Lazio Innova ha l’obiettivo di valorizzare il talento e la creativita’ degli studenti per affermare le ragioni di una vera e propria rivoluzione della legalita’ attraverso dei brani inediti contro le mafie realizzati dagli stessi ragazzi.

“La musica e’ un linguaggio universale con i quali i giovani musicisti esprimono desideri di giustizia e cambiamento veicolando messaggi di impegno civile che danno vita ad importanti processi di partecipazione. Contro le mafie e’ proprio la corresponsabilita’, l’impegno e la partecipazione attiva dei cittadini che, accompagnata dal sostegno e dalla gratitudine per l’attivita’ delle Forze di Polizia e della Magistratura, puo’ sconfiggere il contagio con il quale le organizzazioni criminali inquinano le nostre comunita’”, ha dichiarato Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalita’ della Regione Lazio.

Il concorso e’ aperto a singoli artisti o a band, che, per accedervi, dovranno presentare brani esclusivamente inediti.  Partecipare e’ facile: a partire dall’8 maggio fino al 20 giugno, gli studenti potranno compilare un form disponibile sul sito di “www.unbranocontrolemafie.it “in cui, oltre ad una breve presentazione, verra’ chiesto loro di inserire anche il testo del brano con cui si intende partecipare, fotografie che rappresentino gli artisti e i link ai loro profili social. Verranno accettati tutti i brani musicali in formato MP3 (bitrate minimo 128 kbps, dimensione massima 15 MB, durata massima 4 minuti). Le schede degli artisti in gara, con biografie e foto, verranno pubblicate sul sito del progetto, accompagnate dal brano proposto. Spettera’ poi ad una giuria tecnica selezionare dieci tra musicisti e band che accederanno direttamente alla fase finale dell’evento.

I dieci selezionati, oltre a veder pubblicato il proprio brano nella compilation “Un Brano Contro le Mafie – Vol.2”, potranno avere la possibilita’ di esibirsi live in un concerto in programma per settembre. La giuria avra’ il compito, inoltre, di scegliere i vincitori del concorso, uno proveniente da un istituto comprensivo e uno da un istituto superiore. Il montepremi, per ciascun vincitore, ammontera’ a 3.000 euro, da spendere per l’acquisto di strumenti musicali. Si possono ascoltare i brani dei dieci brani finalisti della prima edizione sul sito “www.unbranocontrolemafie.it” oltre che su tutte le piattaforme digitali di musica, da Spotify a SoundCloud, passando per Play Music e Listen On Music, conclude la Regione Lazio.