regione lazio

Inaugurato Fablab a Primavalle

Roma – Un nuovo Fablab e’ stato inaugurato oggi dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a Primavalle nei locali dell’Istituto scolastico comprensivo ‘Pietro Maffi’. Il FabLab e’ stato realizzato grazie alla collaborazione tra CoLaborando, startup vincitrice del bando ‘Innovazione sostantivo femminile’ (della programmazione europea Por fesr 2014-2020) e l’associazione Roma Makers.

La startup attraverso i fondi ottenuti ha finanziato l’acquisto dei macchinari necessari e gestisce direttamente lo spazio, mentre la scuola Pietro Maffi ha messo a disposizione lo spazio e l’Aps Roma Makers sta mettendo a disposizione tutta l’esperienza acquisita nell’innovazione digitale sociale per l’attivazione di processi positivi sul territorio e in particolare sulle scuole. Grazie al FabLab i ragazzi, docenti e genitori potranno usufruire di una straordinaria occasione di crescita e formazione.

Il Fablab Primavalle vuole essere un hub che andra’ ad agire su un quartiere storicamente popolare, nel tentativo di offrire percorsi di formazione e abilitazione alle nuove competenze per il mercato del lavoro, particolarmente sul campo dell’interior design e del tessile, e che parallelamente sara’ uno spazio di aggregazione giovanile per i tanti neet in cerca di una dimensione e di una strada. Grazie alla collaborazione con l’istituto scolastico ‘Pietro Maffi’ e’ stato attivato un percorso di formazione alla cultura e alla consapevolezza digitale che coinvolge gli studenti, i docenti e i genitori.

“Oggi e’ stata una piacevole visita che dimostra la forza di Roma quando c’e’, come in questo caso, una straordinaria capacita’ di ascolto, collaborazione e spirito combattivo nei territori. Qui era stato visto un bando da una associazione nel 2015, dedicato allo spirito imprenditoriale innovativo delle donne”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti a margine dell’inaugurazione. “Incontrando un territorio- ha aggiunto Zingaretti- una scuola e un Municipio che a suo tempo hanno collaborato si e’ aperto, in una importante periferia, un luogo dedicato alla crescita e all’utilizzo delle nuove tecnologie che va incontro all’altra grande sfida, quella dei kit 3D. Noi, in tutte le scuole del Lazio stiamo portando queste tecnologie affinche’ ragazze e ragazzi, a prescindere da dove abitano o dalla condizione familiare possano accedere a questi nuovi strumenti strumenti rivoluzionari per la loro vita, perche’ saranno quelli con cui si lavorera’ usciti dal ciclo scolastico, ed e’ importante che cio’ avvenga in questi luoghi, che non vanno dimenticati e non lo sono. La cosa funziona molto bene e bisogna ringraziare chi, passato il testimone del bando regionale, l’ha preso e l’ha usato bene come in questo caso”. “Noi- ha concluso- continueremo queste visite per vedere quanto politiche attive intelligenti e attente ai bisogni producono la differenza. Non e’ vero che non cambia mai niente: con la passione le cose possono cambiare”.