regione lazio

Zingaretti e Smeriglio inaugurano ‘Porta Futuro Università’

Roma – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e il suo vice, Massimiliano Smeriglio, hanno inaugurato, a Latina, ‘Porta Futuro Universita”, all’interno della residenza Laziodisu, in via Villafranca 63. A Latina si trova un importante polo universitario, costituito principalmente dalle sedi distaccate dell’Universita’ di Roma La Sapienza, frequentato da circa 3.500 studenti. Dopo aver apportato interventi di ristrutturazione (pavimentazione, tinteggiatura, rete elettrica e rete dati) e adeguamenti manutentivi (revisione dell’ascensore per garantire l’accesso ai cittadini disabili) la struttura e’ stata suddivisa in aree delimitate da pareti mobili, connotate cromaticamente in relazione ai diversi servizi che vi si realizzano.

L’investimento per l’allestimento e’ stato di circa 200 mila euro. E’ presente anche un anfiteatro che, specialmente nei mesi estivi, permettera’ l’utilizzo anche dell’area esterna per eventi e incontri tra aziende e cittadini. Tutte le aree sono dotate di infrastrutture tecnologiche che permettono una consultazione attiva dei servizi (pc per utilizzo software Porta Futuro Lazio e web-cam collegabile ai computer dei relatori e recruiter aziendali per i collegamenti via Skype). L’orario di apertura per i giorni lunedi’, mercoledi’ e venerdi’ e’ dalle 10 alle 16, nei giorni martedi’ e giovedi’ dalle 9 alle 18.30. Gli arredi, con lo stesso layout per tutte le strutture coinvolte nel progetto, sono moderni ed essenziali. La struttura collaborera’ attivamente con lo Spazio Attivo situato nella stessa citta’. Saranno progressivamente implementati anche i servizi dedicati all’accoglienza e all’orientamento con l’obiettivo di permettere agli utenti di effettuare un bilancio delle proprie competenze e di migliorare la definizione della propria identita’ professionale. Saranno realizzati anche servizi di consulenza giuslavoristica. Infine nella nuova sede si svolgeranno anche convegni, eventi per il recruiting, eventi per l’innovazione e la competitivita’.

“Siamo pancia a terra a sostegno di una nuova generazione, non con pacche sulle spalle ma servizi nuovi. Oggi anche a Latina, come poi negli altri territori, apre Porta futuro universita’, un servizio che non esisteva in Italia che permette da dentro la Casa dello Studente di conoscere le opportunita’ di lavoro in questo momento in tutta la Regione e soprattutto tutte le opportunita’ di formazione rivolte a chi cerca lavoro”- ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “E’ una sorta di tutoraggio, di presa in carico, perche’ chi cerca lavoro non e’ giusto che venga lasciato solo- ha aggiunto Zingaretti- Bisogna invece promuovere una rivoluzione che renda chiaro che il lavoro e’ un diritto. Siamo passati da una gestione quasi medievale del servizio al lavoro, perche’ forse era meglio che il lavoro si potesse ottenere col baciamano al politico di turno, a un metodo piu’ civile in cui la trasparenza, l’informazione e la presa in carico dei diritti diventa una pratica a disposizione di tutti”.

“Abbiamo investito circa 200mila euro per la riqualificazione dello spazio, in precedenza abbiamo investito un po’ di risorse in piu’ per rimettere a norma la casa dello studente che non stava nelle migliori condizioni. Qui lavoreranno 5 dipendenti pubblici che non sono 5 persone in piu’ ma persone nell’organico della Regione Lazio riqualificate e messe a disposizione di un nuovo progetto” – ha dichiarato il vice presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio. “Quello che volevo sottolineare e’ che la Regione sta oggettivamente correndo, sta cambiando, sta innovando, sta riqualificando e sta costruendo dei poli d’eccellenza di orientamento, di informazione, pubblici e gratuiti che sono a disposizione dei nostri cittadini, dei ragazzi dai 18 ai 35 anni che vivono una difficolta’ che e’ quella della formazione e del lavoro e che possono trovare nella Regione un partner- ha aggiunto Smeriglio- Il mese porteremo a compimento la costruzione della rete, il prossimo mese presenteremo alla stampa un progetto piu’ complessivo che riguarda una serie di opportunita’, risorse e servizi per questo blocco sociale sul quale noi investiamo: i giovani in formazione dai 18 ai 35 anni”.